rotate-mobile
Cronaca

Centralina rubata: S.Gennaro al buio

TORRE SAN GENNARO – Furto di un armadietto contenente il gruppo per la pubblica illuminazione e danneggiamenti ad altri quadri elettrici. Sono queste le cause che hanno lasciato al buio, per cinque giorni, quasi tutte le strade della marina di Torre San Gennaro.

TORRE SAN GENNARO - Furto di un armadietto contenente il gruppo per la pubblica illuminazione e danneggiamenti ad altri quadri elettrici. Sono queste le cause che hanno lasciato al buio, per cinque giorni, quasi tutte le strade della marina di Torre San Gennaro. Nessun guasto alla rete elettrica, quindi, così come in molti (specie chi vive al mare anche in inverno) avevano pensato data la lunga durata del black out e dei relativi pesanti disagi.

Fortunatamente non appena la segnalazione del mancato funzionamento dei pali della luce è stata inoltrata al comando della polizia locale di Torchiarolo il guasto è stato riparato. La centralina presa di mira dai ladri si trova in via Enrico Toti (ex via Vittorio Veneto) una strada esterna al centro abitato che collega Torre San Gennaro con Lido Presepe. Gli agenti della polizia locale hanno effettuato un sopralluogo unitamente alla ditta Salvatore Macchia e in pochi giorni hanno provveduto riportare la luce nella marina. L'amministrazione comunale ha disposto l'acquisto urgente del materiale asportato.

Considerato che su Torre San Gennaro in inverno vivono numerose famiglie, nei cinque giorni di buio il sindaco ha predisposto un servizio di pattugliamento straordinario al fine di dare sicurezza e tutela ai cittadini. Analoga attività è stata effettuata anche dalle altre forze dell'ordine e istituti di vigilanza. Nella giornata di ieri la pubblica illuminazione è stata ripristinata ma, come precisa il capo della polizia locale di Torchiarolo, verrà monitorata per accertare eventuali altre carenze. Intanto del furto è stata sporta regolare denuncia contro ignoti.

 

 

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centralina rubata: S.Gennaro al buio

BrindisiReport è in caricamento