menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Commessa trova borsa con 1750 euro: proprietaria trovata grazie a Facebook

Una 35enne trova una borsa con 1750 euro all'interno, lancia la ricerca del proprietario attraverso Facebook. Trovato in poche ore. Qualcuno prima di lei aveva prelevato dalla borsa i documenti

SAN PIETRO VERNOTICO – Le buone azioni vanno raccontate perché siano da esempio. Anche se si tratta di gesti che in una società civile e onesta dovrebbero essere scontati e che non meriterebbero di entrare a far parte delle cronache dei giornali. Ma ormai le buone azioni, purtroppo, sono rare e quando accadono non possono passare inosservate. Nel pomeriggio di lunedì 13 febbraio una commessa dell’Ipercoop di Brindisi, Stefania Iacobazzi 35enne di San Pietro Vernotico, transitando nei pressi dell’ufficio postale di San Pietro, in piazza Falcone, ha trovato una borsetta per terra, l’ha aperta per cercare eventuali documenti ma dentro ha trovato “effetti personali” e la bellezza di 1750 euro in pezzi da 20, 50 e 100. Senza pensarci un attimo ha fotografato borsa e parte del contenuto (l’altra serviva da “prova”) e ha pubblicato la foto sul Social Network più visitato al mondo Facebook. La piazza virtuale dove ormai la gente tecnologizzata passa buona parte del tempo (libero e non). Spiegando dove e quando era avvenuto il ritrovamento e invitando gli amici a “condividere”. Annunciando anche che quello era solo un tentativo prima di portare il ritrovamento a chi di competenza. Ma purtroppo non c’erano documenti e risalire al proprietario senza denunce sarebbe stato difficile anche per le forze dell’ordine.

posta san pietro-2

Erano le 15.36. Il post in pochi minuti ha fatto il giro di 34 bacheche (senza contare le condivisioni delle condivisioni) raccogliendo 167 commenti. C’è stato un tamtam generale che si è trasferito anche alla vita “reale”, coinvolgendo decine e decine di persone. E anche una sorta di lotta contro il tempo per cercare di trovare al più presto chi in quel momento era caduto nella disperazione perché aveva perso 1750 euro. Almeno due stipendi di un lavoratore medio di oggi. La mobilitazione sul social network che è seguita dopo il post ha portato nel giro di poche ore gli effetti sperati. Alle 8.30 di oggi, martedì 14 febbraio, festa degli innamorati, la 35enne s’è visto piombare a casa lo sfortunato (ma fortunato) cittadino.

L’uomo aveva saputo del ritrovamento da un parente che a sua volta lo aveva letto su Facebook. I due non si conoscevano ma la ragazza è stefania iacobazzi-2figlia di due noti macellai del paese, risalire a lei non è stato difficile. Ha spiegato che insieme alla moglie e la figlioletta si era recato in posta per pagare tasse e mutuo trovandola chiusa e che nel frattempo la piccola aveva fatto i capricci, la moglie per tranquillizzarla aveva appoggiato la borsa per terra e poi presi dalla situazione erano andati via dimenticando la borsa. Nella buona azione la cattiva azione: dentro c’era un portafogli con i documenti e pochi spiccioli che qualcuno prima di Stefania aveva prelevato. Non sapendo che in quella borsa c’erano altri soldi nascosti in un altro scomparto.

Tornando alla buona azione la 35enne sampietrana commenta così “Dedico questo gesto a mia madre, mio padre, mia sorella Sonia e mio fratello Andrea per avermi insegnato il valore dell’onesta. Questo per me vale più di ogni ricompensa”. Valore raro al giorno d’oggi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento