menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pino Romano

Pino Romano

Commissione regionale Sanità, il consigliere Romano ritira le dimissioni da presidente

Dietrofront del rappresentante del Pd, originario di San Pietro Vernotico: aveva annunciato di lasciare dopo la bocciatura del piano di riordino ospedaliero

BRINDISI - Dietront del consigliere regionale del Pd, Pino Romano: resta presidente  della III commissione Sanità, dopo aver anticipato le dimissioni in seguito alla bocciatura del piano di riordino ospedaliero. 
“Sono rimasto molto colpito dalle attestazioni di stima provenienti non solo da diverse parti politiche, ma anche dalle associazioni e dai rappresentanti della società civile. Il mio atto è riuscito a produrre anche una discussione seria nel merito della questione sanità e questa, alla fine, è la cosa più importante", dice Romano. "Ringrazio tutti della fiducia, continuerò a profondere nel mio lavoro il massimo impegno".

"Accolgo con soddisfazione il ritiro delle dimissioni del collega Pino Romano da presidente della III Commissione Sanità, confermando che resterò al suo fianco come vicepresidente. Ma al tempo stesso faccio un’ampia riflessione: a mio avviso le sue dimissioni non erano esclusivamente dettate dal caso politico sul piano di riordino ospedaliero, ma da ragioni molto più profonde”: Lo dichiara il presidente de La Puglia con Emiliano, Paolo Pellegrino, commentando il rientro in Commissione Sanità del presidente Romano (Pd). 
“In questa lunga fase del piano di riordino – sottolinea Pellegrino - il comportamento del governo regionale è stato correttissimo. Abbiamo avuto la possibilità di discutere e di confrontarci più volte. Alcune modifiche e alcune osservazioni alla fine sono state recepite modificando parzialmente il piano. Certo, ogni consigliere ha manifestato legittime aspettative di tutela dei propri territori, ma non si poteva pretendere che il piano di riordino lo varasse solo la Commissione Sanità”. 
“Il secondo aspetto emerso da questo incidente di percorso – aggiunge - riguarda il rapporto non sempre facile tra il nostro lavoro di commissari e gli uffici regionali della Sanità. Spesso ci siamo sentiti ignorati. Allora queste dimissioni, fortunatamente rientrate, adesso possono diventare utili: si riparta al più presto con una proficua collaborazione tra la Commissione, il governo e le sue strutture tecniche. Solo così potranno essere colmate quelle lacune che sono state alla base delle dimissioni del collega Romano

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento