menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Lecce

Il tribunale di Lecce

Sorpreso con coca e anfetamine nelle campagne: patteggia a quattro anni

Ha scelto di patteggiare una condanna a quattro anni di reclusione un 39enne di San Donaci, Antonio Saracino, che lo scorso giugno fu sorpreso 221 grammi di cocaina e di 207 di anfetamine nelle campagne di Ugento

SAN DONACI – Ha scelto di patteggiare una condanna a quattro anni di reclusione un 39enne di San Donaci, Antonio Saracino, che lo scorso giugno fu sorpreso 221 grammi di cocaina e di 207 di anfetamine nelle campagne di Ugento (Lecce). Insieme a lui si trovava il 24enne Cristiano Cera, del posto, che aveva già patteggiato a 4 anni e 7 mesi. Per entrambi l’accusa è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La sentenza a carico di Saracino, difeso dall’avvocato Carmelo Molfetta, è stata emessa dal gip Simona Panzera.

Il blitz della polizia permise di sequestrare 221 grammi di cocaina e di 207 di anfetamine. Droga che, probabilmente, sarebbe stata poi smerciata nei luoghi più frequentati dai giovani nel corso dell'estate. Gli arresti giunsero al termine di un’attività info-investigativa che, grazie anche a una preziosa “soffiata”, permise di apprendere che Cera avrebbe ricevuto la fornitura di un’ingente quantità di cocaina.

Da qui la decisione di mettere in atto un servizio di osservazione, durante il quale furono notate due autovetture addentrarsi nelle campagne intorno ad Ugento, fermandosi all’intersezione tra una strada vicinale e un tratturo sterrato. E proprio qui si erano appostati gli investigatori.

Le due auto, successivamente, fecero manovra riprendendo la strada da cui erano giunte. Ad attenderle un’altra pattuglia, che bloccò le due auto e fermato i due conducenti. Nel frattempo dal muretto a secco gli agenti recuperarono un involucro a forma di parallelepipedo, confezionato con nastro da imballaggio marrone. Sopra, con una penna di colore nero, c’era scritto: “200”.

All’interno dell’involucro c’erano 223 grammi di cocaina. Inoltre, sotto il sedile del lato passeggero dell’autovettura guidata da Saracino, fu trovata una busta di cellophane bianca contenente 207 grammi di anfetamine. Le perquisizioni personali permisero di recuperare e sequestrare anche 815 euro in banconote di vario taglio e tre telefoni cellulari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento