menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri

Carabinieri

Dalla ex suocera con le molotov

SAN PIETRO VERNOTICO – Stava per lanciare tre bottiglie molotov contro l'abitazione della suocera dove da qualche tempo si è trasferita la sua ex moglie ma i carabinieri lo bloccano poco prima, evitando il disastro.

SAN PIETRO VERNOTICO - Stava per lanciare tre bottiglie molotov contro l'abitazione della suocera dove da qualche tempo si è trasferita la sua ex moglie ma i carabinieri lo bloccano poco prima, evitando il disastro. In manette nella mattinata di oggi ci è finito il 46enne Cesare Mariano, volto già noto per reati simili.

L'episodio si è verificato questa mattina proprio davanti la caserma dei carabinieri in via Vecchia per Campi. Mariano abita a poche centinaia di metri dalla villetta dove risiede la ex suocera e dove da qualche tempo abita anche la sua ex moglie.

Questa mattina, per cause non ancora chiarite ma a quanto pare legate a vecchi rancori con la donna che un tempo era la sua compagna, ha raggiunto la loro villetta a bordo della sua bicicletta munito di tre bottiglie incendiarie piene di benzina. Era pronto per lanciarne una contro la casa ma alcuni carabinieri lo hanno bloccato.

I militari uscendo dalla caserma per un giro di pattugliamento in paese hanno evitato il peggio bloccando tempestivamente il 47enne. In quel momento all'interno dell'abitazione presa di mira da Mariano c'era l'anziana ex suocera. L'uomo è stato trasferito in caserma e poi su disposizione del pubblico ministero di turno Marco D'Agostino, trasferito nel carcere di Brindisi in attesa dell'interrogatorio di convalida che avverrà alla presenza del suo legale di fiducia, l'avvocato Daniele Ancora.

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento