Chi guida il Comune di Brindisi? In mostra sul sito web solo i dipendenti

La trasparenza amministrativa è pienamente fruibile se è sostenuta da una buona comunicazione. Una sistemata alla home page del sito web del Comune di Brindisi perciò è necessaria. Perché? Provate a cercarvi sindaco, giunta e consiglio comunale

BRINDISI – La trasparenza amministrativa è pienamente fruibile se è sostenuta da una buona comunicazione. Una sistemata alla home page del sito web del Comune di Brindisi perciò è necessaria. Perché? Provate a cercare sindaco, giunta e consiglio comunale. Se avete un po’ di tempo da perdere alla fine li troverete dopo una accurata ricerca, aprendo tutti i link e scorrendo tutti meandri possibili.

Ma se aspettate di trovare tutti i dati, i nomi, le cariche, le appartenenze politiche degli amministratori sulla colonna di destra della home page, bene in evidenza, in maniera tale che balzi subito all’occhio chi comanda a palazzo di città, state freschi. Infatti, secondo il sito web del Comune di Brindisi, l’amministrazione è rappresentata solo dai dirigenti e dai funzionari, segretario generale in testa, con tanto di organigramma.

pagina web nomi amministratori comune di brindisi-2

Vuoi sapere chi è il sindaco, chi sono gli assessori e chi sono i consiglieri comunali? Dopo un bel giro si scopre che sono ben nascosti nel settore “amministrazione trasparente”. E che c’entrano i nomi dei componenti gli organi politici del Comune con l’amministrazione trasparente. La trasparenza deve riguardare atti e procedure, bandi e appalti, consulenze, non l’identità di chi vien eletto dai cittadini.

Ma a qualcuno è venuta questa balzana idea di mettere in prima pagina il segretario generale, e relegare all’interno sindaco, giunta e consiglio comunale. Dunque, per sapere chi sono gli amministratori del Comune di Brindisi, aprire “amministrazione trasparente” con il solito click, poi selezionare “organizzazione”, e dopo aver aperto “organizzazione” scegliere “organi di indirizzo politico”.

Sperando di essere stati utili, prima che qualcuno non munito della pazienza dei giornalisti, dopo lunga e infruttuosa ricerca, spenga il pc o si rimetta in tasca lo smartphone, lanciando un bel “ma andatevi a nascondere”. Purtroppo è già stato fatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento