rotate-mobile
Cronaca

Dramma a San Vito: anziano invalido muore carbonizzato davanti al caminetto

SAN VITO DEI NORMANNI – Morto carbonizzato, avvolto dalle fiamme sprigionatesi dalla poltrona sulla quale Francesco Macilleti, 72 anni, invalido sanvitese, era stato adagiato dalla moglie uscita per andare a fare la spesa. Come sempre, per farlo stare al caldo, la poltrona era sistemata accanto al caminetto. Ma questa volta il caminetto ha tradito questa coppia di anziani. Dalla legna ardente si sono sprigionate delle scintille. Finite sulla coperta che avvolgeva le gambe dello sventurato o sulla poltrona. E quindi le fiamme. Questa è l’ipotesi più accreditata dai vigili del fuoco, anche se sarà necessario attendere l’esito delle perizie. La moglie è stata condotta in ospedale per una forte intossicazione da fumo.

SAN VITO DEI NORMANNI - Morto carbonizzato, avvolto dalle fiamme sprigionatesi dalla poltrona sulla quale Francesco Macilleti, 72 anni, invalido sanvitese, era stato adagiato dalla moglie uscita per andare a fare la spesa. Come sempre, per farlo stare al caldo, la poltrona era sistemata accanto al caminetto. Ma questa volta il caminetto ha tradito questa coppia di anziani. Dalla legna ardente si sono sprigionate delle scintille. Finite sulla coperta che avvolgeva le gambe dello sventurato o sulla poltrona. E quindi le fiamme. Questa è l'ipotesi più accreditata dai vigili del fuoco, anche se sarà necessario attendere l'esito delle perizie. La moglie è stata condotta in ospedale per una forte intossicazione da fumo.

Una tragedia consumatasi in pochi minuti nella casa al pianterreno di via Giovanni XXIII numero 6, nel rione Papa Giovanni, conosciuto come il "rione dei contadini". Giusto il tempo di andare a fare la spesa e rientrare a casa. E' all'incirca mezzogiorno quando Maria Brandi, 72 anni, apre l'uscio e si ritrova avvolta da un fumo acre, soffocante. Pensa subito al marito lasciato sulla poltrona. Il poveretto, rimasto invalido, non può muoversi da solo. Ha bisogno di essere sollevato. Per cui la signora Brandi ha subito pensato a lui. Quando gli arriva vicino è già praticamente irriconoscibile.

Invoca aiuto. Arrivano i vigili del fuoco. E viene avvisato uno dei figli della coppia, Pietro, che è poliziotto. Nella casa il fumo si disperde. La scena è agghiacciante. Dell'anziano è rimasto solo il tronco carbonizzato e della poltrona molto meno. Il resto della casa non ha riportato grossi danni. Pareti annerite, qualche crepa. Nulla di grave in confronto alla perdita di Francesco Macilletti.

Sul posto arriva il medico legale Eugenio Gazzaneo incaricato dal magistrato di turno Pierpaolo Montinaro di effettuare la ricognizione cadaverica. Dopo questo accertamento che Gazzaneo effettuerà nella camera mortuaria del cimitero perché in casa era troppo buio, il magistrato deciderà se disporre l'autopsia oppure no.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dramma a San Vito: anziano invalido muore carbonizzato davanti al caminetto

BrindisiReport è in caricamento