menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga, minacce, armi e guida in stato d’ebrezza: quattro denunce

Denunciate quattro persone fra Brindisi, Fasano e San Pancrazio Salentino nell’ambito dei servizi di controllo del territorio effettuati dai carabinieri 

Spaccio di droga, minacce, detenzione illecita di armi e guida in stato di ebrezza. Sono queste le accuse contestate a vario titolo a quattro persone denunciate nella giornata di ieri dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi, nel corso di servizi di controllo del territorio espletati in diversi Comuni. 

Nel capoluogo, i militari de Norm hanno sottoposto a perquisizione la casa del 24enne M.C., trovando 4 grammi di marijuana e di 1,5 grammi di cocaina, suddivise in dosi, nonché di un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento della stessa, il tutto sottoposto a sequestro.

Due le persone denunciate dai carabinieri della stazione di San Pancrazio Salentino: il 67enne F.N., del posto,  per dissidi di natura ereditaria a causa di un contenzioso circa l’eredità di un terreno agricolo, ha minacciato una persona del luogo; una donna di 81 anni deve rispondere del reato di detenzione illecita di armi comuni da sparo, poiché  a seguito di specifico controllo eseguito dai carabinieri ha omesso di denunciare la detenzione di un fucile da caccia appartenuto e regolarmente denunciato dal coniuge deceduto. Nella circostanza, oltre l’arma sono state sequestrate anche alcune munizioni.

A Fasano, infine, i carabinieri del Norm, nell’ambito di uno specifico servizio finalizzato al controllo della circolazione stradale, hanno denunciato in stato di libertà il 24enne P.G., di Carovigno, per guida in stato di ebbrezza, poiché sorpreso alla guida del proprio autoveicolo, con tasso alcolemico superiore al consentito. Al giovane è stata ritirata la patente di guida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento