rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Nigeriano si dà fuoco in strada. I carabinieri spengono le fiamme

E' un giovane con disagio psichico, poi ricoverato in psichiatria

BRINDISI - Alla vista della radiomobile dei carabinieri estrae un'accendino e si dà fuoco un cittadino nigeriano di 26 anni, che si trovava in strada in via Osanna, al rione Cappuccini di Brindisi. E sono stati gli stessi militari a spegnere le fiamme che stavano cominciando ad avvolgere il giovane africano, alimentate dalla fibra sintetica dei suoi abiti.

La ragione del gesto non è nota, fa sapere l'Arma. probabilmente si tratta di un atto dimostrativo ma senza un movente immediatamente comprensibile. Il giovane peraltro in possesso di regolare permesso di soggiorno ed era domiciliato sino a qualche tempo fa presso un centro di accoglienza di Melendugno, nel Salento.

Il cittadino nigeriano è stato poi condotto all'ospedale Perrino di Brindisi per un ricovero in psichiatria, mentre al pronto soccorso è stato medicato uno dei militari dell'equipaggio del Norm, per una lieve ustione ad una mano. Nessuna ustione invece per l'immigrato, che è frequentemente al centro di manifestazioni di disagio psichico. 

Sia la prontezza dell'intervento dei carabinieri, che il fatto che il corpo dell'immigrato fosse coperto da vari strati di indumenti, ha evitato che il fuoco giungesse sino alla cute del ragazzo africano, che dopo l'allontanamento da Melendugno, legato sempre ai suoi problemi psichici, si era trasferito a Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nigeriano si dà fuoco in strada. I carabinieri spengono le fiamme

BrindisiReport è in caricamento