Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Falesia: approvato il progetto esecutivo. Tutto pronto per l'inizio dei lavori

Finalmente ha ottenuto il via libera il progetto esecutivo di consolidamento dei tratti di falesia lungo il litorale a nord di Brindisi.L’ultimo tassello di un lungo e tortuoso iter burocratico è stato piazzato dalla Capitaneria di porto,  che con un verbale dello scorso 21 ottobre ha formalizzato la consegna al comune di Brindisi delle aree demaniali in cui verranno effettuati i lavori

BRINDISI – Finalmente ha ottenuto il via libera il progetto esecutivo di consolidamento dei tratti di falesia lungo il litorale a nord di Brindisi.L’ultimo tassello di un lungo e tortuoso iter burocratico è stato piazzato dalla Capitaneria di porto,  che con un verbale dello scorso 21 ottobre ha formalizzato la consegna al comune di Brindisi delle aree demaniali in cui verranno effettuati i lavori. Il giorno successivo, la giunta comunale ha approvato il progetto. Quest’oggi è avvenuta la consegna dell’area di cantiere, nel corso di un sopralluogo al quale hanno preso parte dei rappresentanti della ditta appaltatrice, la Ra costruzioni, e il responsabile del procedimento, l’architetto Teodoro Indini.

L’opera è stata affidata per un importo pari a poco più di 2 milioni e 300mila euro: somma ottenuta attraverso il progetto Pofesr (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2007/20013. Gli interventi di “difesa del suolo e messa in sicurezza geomorfologica del litorale”  interesseranno dieci punti della costa soggetti a erosione, fra lo stabilimento balneare dei vigili del fuoco e Torre Guaceto. In rosso, i tratti a rischio della falesia-2

Tale fenomeno è riconducibile all’azione del mare, che rimuove dai bassi fondali lo strato di sabbia che ricopre quello sottostante argilloso, spostandolo verso giacimenti subacquei al largo. In occasione delle mareggiate, quindi, lo strato sabbioso assottigliato non ricopre più quello di argilla, creando una sospensione e intorpidendo la fascia marina costiera, non più limpida e trasparente. Tutto ciò provoca una situazione di stress antropico alla Posidonia oceanica (pianta acquatica di fondamentale importanza per il consolidamento dell’arenile, che non può prescindere dall’apporto di luce) portandola alla regressione”. (A destra, in rosso, i tratti a rischio della falesia)

L’iter conclusosi con l’approvazione del progetto esecutivo iniziò nel settembre del 2009, quando venne licenziato il progetto preliminare.

Nel marzo del 2014, l’appalto fu affidato definitivamente alla Ra. Ma il progetto andava assogettato a Via (Valutazione di impatto ambientale). Questo passaggio ha provocato un consistente allungamento dei tempi. La procedura di Via è stata infatti conclusa favorevolmente solo lo scorso 29 maggio, con determina del dirigente del servizio Ecologia della Regione Puglia. La Ra dunque ha dovuto apportare delle modifiche al progetto definitivo sulla base delle indicazioni fornite dalla Regione.

L’attività di verifica del progetto definitivo adeguato si è conclusa lo scorso 21 settembre, con parere positivo da parte del tecnico incaricato. Poi il cammino è stato segnato da altre due tappe: la stipula di un nuovo contratto fra l’amministrazione comunale e la Ra; la richiesta alla Capitaneria di concessione, con eventuale anticipata occupazione, delle aree demaniali interessate dall’intervento.

I lavori dovrebbero cominciare già nella giornata di domani (30 ottobre), a partire dal tratto 1: quello che ricade nella zona di Torre Guaceto. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falesia: approvato il progetto esecutivo. Tutto pronto per l'inizio dei lavori

BrindisiReport è in caricamento