Cronaca

Fighter fiuta la droga: brindisino sorpreso con hascisc e marijuana

Nuovo arresto per il 41enne Sebastiano Manni. Sequestrati nello scantinato della sua abitazione al rione Sant'Angelo un chilo di hascisc e mezzo chilo di marijuana. L'uomo era già ristretto ai domiciliari

BRINDISI – Grazie anche all’infallibile olfatto del cane Fighter, un chilo e mezzo di marijuana è stato sequestrato in uno scantinato di una palazzina al rione Sant’Angelo utilizzato dal brindisino Sebastiano Manni, 41anni, già arrestato lo scorso aprile per il reato di spaccio e da allora agli arresti domiciliari per il reato di spaccio.

L’uomo nella giornata di sabato (25 novembre) ha ricevuto la visita dei carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Brindisi MANNI Sebastiano, classe 1976-2al comando del maggiore Pasquale Ferrari, impegnati in una incessante azione di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in città. 

L’operazione è scaturita da diverse segnalazioni al 112 di un continuo via vai di alcuni giovani non residenti nel quartiere. Tra gli obiettivi c’era anche la casa di Manni. Fighter, uno splendido esemplare di 3 anni e mezzo di pastore tedesco “grigione”, è immediatamente riuscito a trovare un chilo di hascisc e mezzo chilo di marijuana, in uno scantinato pertinente l’abitazione, custodita in uno zainetto in tessuto e accuratamente nascosta dietro un pannello decorativo nello scantinato, ragione per cui Manni è stato nuovamente ammanettato. 

Manni poi, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, Manuela Pellerino, è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi in via Appia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fighter fiuta la droga: brindisino sorpreso con hascisc e marijuana

BrindisiReport è in caricamento