rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Furto, tentata estorsione e lesioni: condannate due persone

La giustizia presenta il conto a due persone condannate per furto aggravato e tentata estorsione. Il 26enne Pietro Mingolla, di Oria, deve scontare in regime di domiciliari un residuo di pena su una condanna complessiva pari a 5 anni, quattro mesi e 23 giorni di reclusione per cumulo di pene

BRINDISI – La giustizia presenta il conto a due persone condannate per furto aggravato e tentata estorsione. Il 26enne Pietro Mingolla, di Oria, condannato anche per furto in abitazione, deve scontare in regime di domiciliari un residuo di pena su una condanna complessiva pari a 5 anni, quattro mesi e 23 giorni di reclusione per cumulo di pene.

L’uomo è stato raggiunto da un ordine di esecuzione emesso dalla Procura della repubblica di Brindisi. Il provvedimento gli è stato notificato dai carabinieri della locale stazione.

La 47enne Anna Turco, invece, di San Donaci, riconosciuta responsabile anche del reato di lesioni, deve espiare un residuo di pena su una condanna complessiva pari a tre anni, due mesi e 21 giorni di reclusione, sempre in regime di domiciliari. L’ordine restrittivo emesso dalla Procura di Brindisi è stato eseguito dai militari della locale stazione. 

A Brindisi, infine, il 26enne A.G., di Mesagne, è stato denunciato dai militari del Norm della locale compagnia per guida in stato di alterazione psicofisica, confermata dagli accertamenti eseguiti attraverso l’etilometro. Il ragazzo ha inoltre subito il ritiro del documento di guida. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto, tentata estorsione e lesioni: condannate due persone

BrindisiReport è in caricamento