Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Ostuni

Il corpo trovato da un pescatore

BRINDISI – E’ stato un pescatore a imbattersi, all’alba, nel corpo senza vita di Sebastiano Zagaria, il 24enne di Andria disperso da ieri mattina nello specchio d’acqua antistante alla spiaggia del Pilone, sul litorale di Ostuni.

BRINDISI – E’ stato un pescatore a imbattersi, all’alba, nel corpo senza vita di Sebastiano Zagaria, il 24enne di Andria disperso da ieri mattina nello specchio d’acqua antistante alla spiaggia del Pilone, sul litorale di Ostuni. La salma è stata trascinata dalle correnti su una caletta situata circa un centinaio di metri a sud della spiaggia di San Leonardo, dove il ragazzo si era calato in mare insieme a 2 amici, anch’essi di Andria, scampati alla tragedia.

Le spoglie sono state recuperate fra le 6 e 30 e le 7 dagli uomini della Capitaneria di Porto di Brindisi (giunti sul posto con 2 pattuglie da terra e una motovedetta), supportati dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco del nucleo di Bari, dal personale del 118 e dai poliziotti del commissariato di Ostuni. Pochi minuti dopo, al padre del ragazzo è toccato lo straziante compito di effettuare il riconoscimento del cadavere.

I ragazzi avevano raggiunto la spiaggia di San Leonardo, situata a ridosso della torre costiera simbolo del Pilone, insieme alle rispettive fidanzate. Poco dopo le nove, i tre si sono calati in acqua. Su tutto il litorale di Brindisi, ieri, soffiava un forte vento di maestrale. Il mare era terribilmente agitato. In quelle condizioni, le risacche che si formano a pochi metri dalla riva possono trasformarsi in una trappola mortale.

E’ accaduto l’ultima volta lo scorso 1 agosto, quando un 42enne di Perugia, giunto in Puglia per trascorrere una vacanza in compagnia della fidanzata, morì per annegamento quasi nello stesso punto in cui Zagaria e i suoi amici facevano il bagno. Con il mare in tempesta, del resto, basta davvero poco per finire nella morsa dei marosi. Ed è questo il destino al quale sono andati incontro gli andriesi.

I giovani, in balia delle onde, sono stati sospinti verso la scogliera. Gli amici di Sebastiano sono riusciti a raggiungere la riva a nuoto. Uno di essi, nonostante una ferita lacero contusa alla gamba rimediata sugli scogli, ha teso la mano al 24enne per tentare di metterlo in salto. Ma non c’è stato nulla da fare. Sebastiano, meno abile a nuotare degli altri due, si è ritrovato alla mercé dei flutti. Nel giro di pochi minuti, si è persa ogni traccia del giovane.

Il meccanismo dei soccorsi si è attivato immediatamente. Sul posto si sono recati gli uomini della Capitaneria di Porto (a bordo di tre mezzi navali di recupero), i Vigili del Fuoco del distaccamento di Ostuni, i pompieri del Nucleo Saf (a bordo di un acquascooter), un battello del Nucleo sommozzatori dei Vigili del Fuoco e un elicottero, sempre dei Vigili del Fuoco, che ha coperto l’area compresa fra Lido Morelli e località Monticelli.

Intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Fasano, i poliziotti del commissariato di Ostuni e i vigili urbani. Il ragazzo feritosi alla gamba, nel frattempo, era stato accompagnato presso l’ospedale di Ostuni, mentre l’altro amico veniva ascoltato da un ufficiale della Capitaneria.

Le ricerche del 24enne, proseguite a ritmo serrato per più di 10 ore, sono state sospese intorno alle 20 di ieri. Stamani all’alba sarebbero dovute riprendere. Informato del ritrovamento del corpo, il pm di turno del tribunale di Brindisi, Valeria Farina Valaori, non ha disposto l’esame autoptico. La salma, lasciata a disposizione dei famigliari, dovrebbe rientrare nelle prossime ore ad Andria.

“La tragedia consumatasi ricorda ancora una volta – sottolinea il comandante della Capitaneria di Brindisi, capitano di vascello Giuseppe Minotauro - come il mare vada sempre affrontato con cautela e dovuto rispetto. Ci si augura quindi che l’accaduto funga da monito per tutti coloro che amando il mare affolleranno le spiagge anche in periodi nei quali le condizioni meteomarine non si dimostrino particolarmente favorevoli”.

 

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il corpo trovato da un pescatore
BrindisiReport è in caricamento