Cronaca Erchie

Assenteismo al Comune, revocata la sospensione per sei dipendenti

Il gip accoglie la richiesta dei difensori, dopo l'interrogatorio di garanzia: "Smarcatempo sostituito". Parere favorevole del pm. Sono accusati di truffa, peculato d'uso e falso. Da lunedì potranno tornare in ufficio. Altri nove sotto inchiesta con identiche ipotesi di reato

ERCHIE – Non sono più sospesi dall’esercizio del pubblico ufficio dopo il blitz anti assenteismo al Comune di Erchie: sei dipendenti del Municipio hanno ottenuto dal gip la revoca della misura interdittiva disposta lo scorso 8 febbraio.  Carmelo Ciccarese, responsabile settore lavori pubblici, Lucia Fanuli, responsabile servizi sociali, Antonello Gennaro impiegato ufficio protocollo, e Agata Rodi dirigente affari generali, Alda Anna Maria Tanzariello, assistente sociale,  e Antonio Gigli responsabile ufficio urbanistica e ufficio tecnico, di conseguenza, potranno tornare al lavoro già da lunedì, fermo restando le ipotesi di reato contestate dal pubblico ministero Valeria Farina Valaori in relazione alle assenze non autorizzate dagli uffici: truffa, peculato, peculato d’uso e falso.

Il municipio di Erchie

Il provvedimento di revoca è stato firmato dal giudice per le indagini preliminari Stefania De Angelis nella mattinata di oggi, in accoglimento delle richieste dei difensori, Mario Guagliani e Nicola Massari, all'esito degli interrogatori di garanzia, con il parere favorevole del pm. "Le dichiarazioni rese dagli indagati hanno permesso di appurare, diversamente da quanto appariva dalla documentazione acquisita in atti, che l'orologio marcatempo installato presso il Municipio non contenessecodici diversi da quelli entrata e uscita", si legge nelle motivazioni del gip. "Tale circostanza, da un lato non permetteva ai dipendenti di timbrare in tutti i casi in cui si assentavano per motivi di servizio e dall'altro non consentiva sulle ragioni delle assenze". Gli indagati hanno spiegato che il Comune ha fatto sistemare un nuovo orogolio per smarcare i badge. "Le ragioni spiegate appaiono in larga parte plausibili e riscontrate".

Per altri nove dipendenti,  lo stesso gip si è riservato di decidere l’applicazione della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio. Si tratta di: Vincenzo Colaci, dipendente, Maria Rosaria Coppola, comandante polizia municipale, Cosimo Fanuli, dipendente, Nicola Leo, dipendente, Ercole Margheriti, dipendente, Domenico Melechì, dipendente, Giuseppe Morleo, vigile urbano, Antonella Resta, vigile urbano, Giovanni Urselli, dipendente.

L’inchiesta della Guardia di Finanza è partita da una segnalazione di un dipendente con contratto part time, e si articola in due filoni con venti indagati al momento: da un lato l’assenteismo e dall’altro il peculato in relazione all’uso di buoni benzina del Comune e auto di servizio, una Lancia Lybra e una Dacia, per usi personali e non già istituzionali. Condotta penalmente rilevante contestata anche al sindaco Giuseppe Margheriti, espressione di una coalizione di centrodestra con Forza Italia in testa, al suo vice Chiara Saracino e al presidente del Consiglio comunale Ivan Volpe.

I finanzieri della Compagnia di Francavilla Fontana hanno  ricostruito “cinque mesi di condotte dei dipendenti, tra i quali figurano anche responsabili di settore che in orario di servizio, dopo aver registrato la propria presenza, si allontanavano in modo sistematico e pressoché quotidiano dal posto di lavoro". Sono stati pedinati dai militari e ripresi dalle telecamere nascoste dal 12 dicembre 2015 sino al 17 gennaio dell’anno successivo.

"Inoltre, le attività investigative hanno permesso di appurare anche un uso privato di veicoli di proprietà dell’ente nonché un indebito utilizzo delle schede carburanti per il rifornimento dei propri automezzi”. La posizione degli indagati sarà oggetto di apposita segnalazione alla competente Procura Regionale della Corte dei Conti, per la quantificazione del danno erariale e i conseguenti provvedimenti per il recupero delle somme.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assenteismo al Comune, revocata la sospensione per sei dipendenti

BrindisiReport è in caricamento