rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

La Cgil Vigili del Fuoco: "Abbiamo bisogno di nuovi automezzi"

Impegnati al massimo per fronteggiare lo stillicidio di incendi estivi: è questa la situazione che mettendo nuovamente in evidenza una problema che per i Vigili del Fuoco di Brindisi diventa sempre più pesante, quello dei mezzi di servizio

BRINDISI – Impegnati al massimo per fronteggiare lo stillicidio di incendi estivi: è questa la situazione che mettendo nuovamente in evidenza una problema che per i Vigili del Fuoco di Brindisi (ma si può tranquillamente parlare di problema generalizzato) diventa sempre più pesante, quello dei mezzi di servizio. Torna a denunciare questa carenza il sindacato Funzione Pubblica Cgil – Vigili del Fuoco, che definisce grave la condizione del parco automezzi del Comando provinciale, “ritenendola non adeguata e sufficiente per garantire un adeguato servizio di soccorso alla popolazione della provincia di Brindisi”.

“Tale situazione, estremamente grave, è imputabile essenzialmente ad un parco automezzi troppo vecchio ed obsoleto (alcuni mezzi risalgono agli anni ’90). Speravamo che la soppressione del Corpo Forestale dello Stato avrebbe portato benefici in termini di uomini e mezzi, una speranza che si è rilevata pura utopia – si legge nel comunicato della Cgil Vigili del Fuoco - poiché tale soppressione ha aggravato ancor più la situazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che, di fatto, si è fatto carico anche delle competenze del Corpo soppresso aggravandone le proprie condizioni organizzative”.

Uno dei mezzi dei Vigili del Fuoco

C’è il discorso, secondo la Cgil, della carenza di risorse finanziarie “da destinare al costante rinnovo del parco automezzi ha determinato l’attuale situazione di sofferenza che solo grazie all’abnegazione del personale ed alle poche risorse destinate alla manutenzione si riesce ad intervenire per riparare, in economia, i vetusti mezzi in dotazione per renderli ancora operativi ed efficienti per garantire gli standard di sicurezza ai cittadini”.

Come detto in principio, si tratta di criticità che “emergono solo in occasioni di eventi drammatici quali terremoti, alluvioni, crolli, incidenti ferroviari, incendi boschivi che coinvolgono l’interesse dell’opinione pubblica, sottolinea il sindacato. “Siamo convinti che una politica più oculata della spesa, meno manutenzione e più nuovi acquisti, nel lungo periodo possa far migliore l’attuale situazione in quanto è significativo che spesso i dati hanno dimostrato che i costi di manutenzione hanno superato il costo del nuovo automezzo”.

A chi è rivolto l’appello? A “tutti gli organi deputati alla gestione della cosa pubblica territoriali”, affinchè si intervenga “ognuno per le proprie competenze ed influenze amministrative verso le competenti autorità del Dipartimento e del Governo”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cgil Vigili del Fuoco: "Abbiamo bisogno di nuovi automezzi"

BrindisiReport è in caricamento