menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Traffico bloccato sulla statale 379

Traffico bloccato sulla statale 379

Immigrato morto sulla 379 ancora senza nome

BRINDISI – Forse è originario del Ghana l’immigrato travolto nella tarda serata di ieri sulla strada statale 379 che collega Brindisi a Bari, vicino l’area di servizio Agip posta in corrispondenza dello svincolo per l’aeroporto del Salento. I carabinieri della compagnia di Brindisi non sono ancora riusciti a identificare la vittima.

BRINDISI - Forse è originario del Ghana l'immigrato travolto nella tarda serata di ieri sulla strada statale 379 che collega Brindisi a Bari, vicino l'area di servizio Agip posta in corrispondenza dello svincolo per l'aeroporto del Salento. I carabinieri della compagnia di Brindisi, intervenuti sul posto per i rilievi del caso, non sono ancora riusciti a identificare la vittima.

Stando agli elementi raccolti dalla pattuglia che ha operato sul posto, il giovane immigrato è stato investito da una Alfa 127 condotta da un 36enne di Monopoli, mentre tentava di attraversare la carreggiata nord. Non è chiaro se lo straniero avesse scavalcato i jersey dello spartitraffico o il guardrail posto lungo il margine della strada.

L'automobilista ha riferito ai carabinieri di aver visto sbucare una persona all'improvviso sulla sede stradale, e di non aver potuto far nulla per evitarlo. L'impatto è avvenuto poco prima delle 22 e 15. Al momento dell'arrivo dei soccorritori del 118, il ghanese era già morto. Gli agenti della polizia stradale sono giunti in ausilio dei carabinieri per gestire la viabilità, alla luce anche del lungo incolonnamento creatosi in seguito dell'incidente.

Il traffico ha ripreso a scorrere regolarmente solo intorno alla mezzanotte, dopo la rimozione del cadavere. I militari hanno attivato una serie di accertamenti volti a risalire alle generalità della vittima. Si stanno verificando gli elenchi degli immigrati ospitati nei vari centri della zona. Ma non si può escludere che il giovane travolto e ucciso dall'auto sulla 379 risiedesse presso una della masserie dell'agro brindisino, dove ormai sono sempre più numerosi i lavoratori di colore.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento