rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Inchiesta sportelli antiracket: "La Fai pugliese si costituirà parte civile"

In attesa degli sviluppi delle indagini, la Fai Puglia e le associazioni antiracket pugliesi manifestano la piena fiducia nel lavoro della Magistratura, auspicando che si faccia chiarezza in tempi rapidi

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma di  Renato De Scisciolo e Fabio Marini, rispettivamente vice presidente nazionale della Fai (federazione delle associazioni Antiracket e antiusura italiane) e presidente antiracket mesagne e coordinatore provinciale Brindisi, sull'inchiesta della procura di Lecce culminata con l'arresto della presidente di un'associazione antiracket salentina. 

Il Coordinamento delle Associazioni antiracket pugliesi della Fai (federazione delle associazioni Antiracket e antiusura italiane ) di cui fanno parte le associazioni antiracket di Mesagne, San Pietro Vernotico, Francavilla Fontana, Ceglie messapica e San vito dei normanni, a seguito delle notizie di stampa odierne, relative all’arresto della presidente dell’associazione antiracket di Lecce, intendono sottolineare come tale associazione non faccia parte della Fai e non abbia nulla a che vedere con la Federazione Antiracket Italiana.

In attesa degli sviluppi delle indagini, la Fai Puglia e le associazioni antiracket pugliesi manifestano la piena fiducia nel lavoro della Magistratura, auspicando che si faccia chiarezza in tempi rapidi.

La Fai pugliese, a tutela della propria immagine e del lavoro di tanti volontari che dedicano il proprio tempo al sostegno delle vittime di racket ed usura, si costituirà parte civile nell’evenutale processo penale che dovesse seguire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta sportelli antiracket: "La Fai pugliese si costituirà parte civile"

BrindisiReport è in caricamento