menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incivili scatenati: devastato il centro giovanile completato da poco a Tuturano

I teppisti hanno sfondato le porte vetrate e divelto estintori. Sul posto la polizia municipale per un sopralluogo. Pietro Guadalupi: "L'inciviltà regna sovrana"

TUTURANO – Gli incivili, purtroppo, continuano a imperversare. La scorsa notte (fra martedì 13 e mercoledì 14 giugno) è stato devastato dai vandali il centro di dinamicizzazione giovanile da poco ultimato in via Vittorio Emanuele, angolo via Adua, presso la frazione di Tuturano.

Come documentato dalle foto postate sul suo profilo Facebook da Pietro Guadalupi, i teppisti hanno sfondato un paio di porte vetrate, hanno divelto una colonnina e un paio di estintori, hanno sfondato una parete in cartone gesso. In tarda mattinata, gli agenti della polizia municipale si sono recati sul posto per un sopralluogo.

La struttura è stata completata di recente. Fra le ipotesi al vaglio dell’amministrazione comunale, c’era quella di pubblicare un bando di gestione dell’edificio. Adesso, però, il Comune dovrà nuovamente attingere denaro dalle proprie casse, per riparare i danni causati dai vandali. Inoltre dovranno essere attivate quanto prima le telecamere di cui è dotato il centro.

“È inutile dire e fare qualsiasi cosa – dichiara Pietro Guadalupi -  l'inciviltà regna sovrana. Da tempo si sta perdendo quel senso di appartenenza e di rispetto del bene pubblico che dovrebbe permeare la cittadinanza. Si sta perdendo ogni valore. Serve una politica che sensibilizzi i giovani e gli adulti al bene pubblico”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento