menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti: "Basta teatrini, maggioranza e opposizione si assumano le loro responsabilità"

Lo sfogo di un cittadino: "Non se n'è può più! Questa gente non ha vergogna di nulla e non conosce la dignità, mi chiedo, cosa possano fare i cittadini per "cacciare" questi personaggi"

Riceviamo e pubblichiamo l'intervento di un cittadino, Nino Maniscalco, su Tari ed emergenza rifiuti a Brindisi, alla vigilia della manifestazione organizzata per mercoledì, alle ore 18,30, in piazza Matteotti (davanti al Comune di Brindisi) dall'associazione Salute Pubblica del dottor Maurizio Portaluri. 

I cittadini di Brindisi in questi giorni stanno ricevendo la tassa dei rifiuti solidi urbani e come se non bastasse è la più alta d'Italia! Del resto se Brindisi non ha dei primati (in negativo) non riesce a distinguersi. Non sto qui a raccontare ai Brindisini che da oltre due anni vivono tutti i giorni in mezzo alla immondizia con tutti i problemi sanitari che si porta dietro.

Tutto ciò grazie alla incapacità di una giunta comunale che era nata per risolvere in tempi stretti soprattutto la questione rifiuti e che invece a distanza di un anno si trova ancora a dover scegliere i suoi componenti che una volta nominati vengono a distanza di qualche settimana rimossi o decidono di andare via lasciando l'incarico, determinando così un immobilismo cosmico di questa Giunta e di questa città. Basta non se n'è può più ! Questa gente non ha vergogna di nulla e non conosce la dignità, mi chiedo, cosa possano fare i cittadini per "cacciare" questi personaggi. Abbiamo un Consiglio Comunale dove, sia i componenti della Maggioranza che di Opposizione, l'unica cosa che riescono a fare è recitare!

Anche i nuovi arrivati hanno imparato subito che la sala consiliare è un teatro. Peccato che lo spettacolo che portano in scena sia per lo più soggetto ai fischi del pubblico. L'unica cosa che hanno imparato a dire, perchè fa "scena", è: "io mi assumo tutte le mie responsabilità di quello che dico" consapevoli che tanto non hanno detto nulla, sanno che non dicono niente da anni, senza assumersi dunque nessuna responsabilità se no quella che forse solo noi cittadini potremmo imputargli, quella di mandare in malora la città. Io credo, che ormai sia giunta l'ora che qualcuno si assuma realmente la responsabilità, che risponda nei fatti al mandato ricevuto dai cittadini che gli hanno permesso di sedere tra i banchi comunali.

Sia esso un componente della maggioranza sia di opposizione mosso da un sobbalzo di dignità e coerenza più umana che politica decida pubblicamente con un manifesto pubblico di invitare i cittadini a sospendere il pagamento della tassa dei rifiuti fino a quando la città torni pulita e fino a quando la differenziata non sia organizzata ed effettuata realmente con mezzi e strumenti adeguati.

Questo non significa disobbedienza civile ma è responsabilità istituzionale, perchè non basta dire "questa maggioranza deve andare a casa" ma bisogna avere pure il coraggio e la forza di dire di fronte alla incapacità oggettiva di questa amministrazione (è sotto gli occhi di tutti il grave degrado della città) come può il Comune chiedere ai cittadini il pagamento di un servizio quando questo servizio non funziona è tale circostanza è nota a tutti: Maggioranza ed Opposizione.

Ricordo quando a Brindisi si voleva costruire il rigassificatore. Tutte le iniziative contro organizzate dalle Associazioni Ambientaliste che con forza si scagliavano contro la realizzazione dell'impianto. Constato con amarezza l'incostanza e la frammentarietà dell'azione di contestazione dei predetti soggetti che appaiono esclusivamente impegnati nelle lotte contro i colossi industriali che evidentemente portano visibilità e scarsa esposizione nel concreto, tralasciando le criticità locali come la questione dei rifiuti contro la quale non ricordo che abbiano organizzato cortei o iniziative tesi al rispetto dell'igiene e della salute pubblica.

Davanti allo scempio che si sta consumando sulla pelle di tutti, spero che le doglianze dei cittadini non restino solo a parole. Ma soprattutto sono curioso di vedere quale amministratore avrà rispetto per i cittadini e il coraggio di affrontare questo problema non solo in termini tecnici ma soprattutto in termini di responsabilità politica e di coerenza di una azione amministrativa assente e incapace a gestire la questione rifiuti.

Chi realmente si vorrà assumere la responsabilità politica e amministrativa del danno rispondendo una volta tanto al mandato ricevuto dai cittadini. Solo in questo modo la gente incomincerà a distinguere chi realmente si assume le proprie responsabilità e chi invece continua a prendere in giro i cittadini mentre la città affonda sempre di più.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento