rotate-mobile
Cronaca Via Appia

Ennesimo investimento all'altezza del "Cesare Braico". Ferito un pedone

Ancora un pedone investito in via Appia, all'altezza dell'ingresso del parco Cesare Braico. A finire sull'asfalto, stavolta, è stato un runner brindisino. L'uomo è stato centrato da una vecchia Fiat Panda di colore verde condotta da F.G., 65 anni, di Brindisi, riportando delle ferite

BRINDISI – Ancora un pedone investito in via Appia, all’altezza dell’ingresso del parco Cesare Braico. A finire sull’asfalto, stavolta, è stato un runner brindisino. L’uomo è stato centrato da una vecchia Fiat Panda di colore verde condotta da F.G., 65 anni, di Brindisi, riportando delle ferite che hanno richiesto il trasporto presso il vicino ospedale Perrino.

L’episodio si è verificato poco dopo le 9. Stando a una prima ricostruzione dell’accaduto, l’auto era diretta verso la rotatoria posta all’imbocco della strada statale 7 per Taranto. A bordo del mezzo, oltre al conducente, viaggiavano anche la moglie e la figlia dello stesso. Questi ha riferito ai vigili urbani, intervenuti sul posto per i rilievi del caso, di aver visto sbucare il pedone fuori dalle strisce pedonali e di non essere riuscito a evitarlo.

Ma gli agenti della Municipale si sono recati in Pronto soccorso, dove il malcapitato è stato accompagnato dal personale del 118 subito La pattuglia dei vigili urbani-2dopo l’impatto, per raccogliere anche la versione dei fatti della vittima. L’incidente, ad ogni modo, certifica ulteriormente i pericoli ai quali sono esposte le persone che attraversano questo tratto di via Appia.

Basti ricordare quanto accaduto la mattina dello scorso 2 aprile, quando una studentessa di 16 anni dell’istituto alberghiero Sandro Pertini, situato all’interno del parco, venne investita da un anziano che alla vista dell’adolescente, anziché schiacciare il pedale del freno, azionò per sbaglio quello dell’acceleratore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ennesimo investimento all'altezza del "Cesare Braico". Ferito un pedone

BrindisiReport è in caricamento