Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Latiano

Irrompe armata in banca per un amore non corrisposto: donna torna libera

Disposto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, a carico della 43enne invaghita di un dipendente della filiale Intesa San Paolo di Latiano

LATIANO – Torna in libertà la 43enne che nella giornata di mercoledì (14 aprile) ha fatto irruzione all’interno della filiale della banca “Intesa San Paolo” di Latiano, minacciando con un coltello i dipendenti, fra cui un uomo di cui si era invaghita. Il gip del tribunale di Brindisi, Vittorio Testi, non ha convalidato l’arresto in flagranza di reato e contestualmente ha disposto l’applicazione della misura coercitiva del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa. La donna, difesa dall’avvocato Antonio Sartorio dello studio legale “Rizzo & Sartorio” di Latiano stamani (venerdì 16 aprile) ha risposto alle domande del giudice, nell’ambito dell’interrogatorio di convalida dell’arresto. E’ accusata di violenza privata, danneggiamento, atti persecutori e detenzione abusiva di armi.

L’indagata, residente a Latiano, nel primo pomeriggio di mercoledì avrebbe forzato l’ingresso della banca, in quel momento chiusa al pubblico, e armata di coltello lungo 30 centimetri avrebbe minacciato di morte i dipendenti, oltre a tentare di colpire il direttore della filiale. Recatisi immediatamente sul posto, i carabinieri della locale stazione bloccarono la 43enne. Da quanto appurato dai militari, la stessa, a partire dallo scorso gennaio, avrebbe minacciato e perseguitato, anche telefonicamente, un dipendente dell’istituto di credito di cui si era infatuata. Si trattava, però, di un amore non corrisposto. A seguito dell’intervento dei militari, la donna è stata arrestata in flagranza di reato e condotta presso la propria abitazione in regime di domiciliari. Dopo l’interrogatorio, il gip ha disposto l’immediata scarcerazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Irrompe armata in banca per un amore non corrisposto: donna torna libera

BrindisiReport è in caricamento