Mesagne. Pezzi di auto di provenienza illecita, uomo denunciato per ricettazione

Nel deposito sono stati rinvenuti blocchi di motori di autovetture con telaio abraso e altri da accertare, due portiere e un radiatore

MESAGNE - Un deposito illecito di pezzi di ricambio di auto è stato sequestrato dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni, ad un 60enne del luogo, denunciato per ricettazione.

ricettazione 2 Mesagne-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare, grazie alla perquisizione personale e domiciliare effettuata all’interno di un deposito utilizzato dall’uomo, sono stati rinvenuti tredici blocchi di motori di autovetture con telaio abraso e sette blocchi di motore con telaio da accertare, nonché due blocchi di cambio marce, due portiere per Fiat 500 e un blocco radiatore. La merce è stata sottoposta a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento