menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Migranti, falsa ospitalità per i permessi: cinque condanne, un’assoluzione

Estraneo ai fatti Alessandro De Jaco, Alba Turi e Marcello Coletta colpevoli. Patteggiamento per Luigia Verga e Sak Jan

BRINDISI – Sino a 900 euro per rilasciare false dichiarazioni di ospitalità per i permessi di soggiorno: l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, mossa inizialmente nei confronti di quattro brindisini e uno straniero arrestati dalla Digos, è stata confermata per quattro imputati.

L’assoluzione

Alessandro De Iaco-2-2-2L’unico ad essere stato assolto è Alessandro De Jaco, 42 anni, di Brindisi, difeso dall’avvocato Giacomo Serio. Per De Jaco il rappresentante della pubblica accusa aveva chiesto la condanna alla pena di un anno e sei mesi di reclusione, nel corso della requisitoria del processo con rito abbreviato celebrato davanti al gup Alessandra Ferraro del Tribunale di Brindisi.

Le condanne

Alba Turi-2-2-2Il giudizio “allo stato degli atti”, con il riconoscimento della riduzione di un terzo della pena, è stato ottenuto da altri due imputati, per i quali c’è stata affermazione della responsabilità penale: Alba Turi, 48 anni, con condanna a dieci mesi di reclusione, e Marcello Coletta, 49 anni, otto mesi (entrambi difesi dall’avvocato Cinzia Cavallo). Le motivazioni alla base della sentenza di condanna saranno depositate nel termine di 90 giorni.

Il patteggiamento

sahak ahmad shah Sak-2-2-2Lo stesso gup ha accolto la richiesta di patteggiamento avanzata, dopo il parere favorevole del pubblico ministero, da altri due imputati: Sahak Ahmad Shah, alias Sak Jan, 30 anni, a due anni e sei mesi di reclusione (come proposto dall’avvocato Gianvito Lillo) e Luigia Verga, 52, a un anno, un mese e dieci giorni (come proposto dall’avvocato Giuseppe Guastella).

Gli arresti

Luigia Verga-2-2-2Gli imputati furono arrestati dagli agenti della Digos di Brindisi, diretti dal vice questore aggiunto Antonio Caliò, all’alba del 12 aprile 2017, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare ottenuta dalla Procura nell’ambito dell’inchiesta sulla regolarizzazione di migrati, con condotte qualificate come illecite.

L’accusa

marcello coletta-2-2-2Secondo l’accusa, gli imputati rilasciano “false dichiarazioni di ospitalità da esibire presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Brindisi per ottenere rilasci e/o rinnovi di permessi di soggiorno nonché ricongiungimenti familiari”. In cambio ottenevano denaro, somme comprese fra 350 e 900 euro. Da qui la contestazione di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Fonti di prova sono le riprese video, le intercettazioni ambientali e le relazioni allegate ai servizi di osservazione e pedinamento. Le indagini sono state eseguite dal personale della Digos, con la collaborazione dell’Ufficio Immigrazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

  • Emergenza Covid-19

    Covid: prime vaccinazioni con Johnson & Johnson nel Brindisino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento