rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Nuovo attentato contro la ditta che cura gli ulivi per conto di Tap

Questa notte intorno alle 02.10 a Carmiano, sconosciuti hanno lanciato delle bottiglie molotov contro la sede della ditta Mello, che si occupa della cura degli alberi per conto di Tap. Il conseguente incendio ha fatto fortunatamente solo danni minori

CARMIANO - Questa notte intorno alle 02.10 a Carmiano, sconosciuti hanno lanciato delle bottiglie molotov contro la sede della ditta Mello, che si occupa della cura degli alberi per conto di Tap. Il conseguente incendio ha fatto fortunatamente solo danni minori; sono intervenuti sul posto i vigili del fuoco per la messa in sicurezza e i carabinieri. Gli alberi sono gli ulivi spostati e rimessi a dimora per constire lo scavo della trincea del gasdotto tra la costa di San Foca e la stazione di Brindisi di collegamento alla rete nazionale Snam.

"Purtroppo è la seconda volta nel giro di poco più di un mese (il precedente episodio risale al 18 maggio scorso) che questa eccellenza salentina nel settore vivaistico viene attaccata. Tap esprime di nuovo la sua piena solidarietà alla ditta Mello, a Lucio Mello e a tutti i suoi collaboratori vittime di un atto brutale, ingiustificabile e a freddo, chiaramente volto a far salire la tensione dopo un lungo periodo di tranquillità e all’esordio della stagione turistica", duce un comunicato del consorzio internazionale che sta realizzando il gasdotto Trans Adriatic Pipeline.

Tap "si augura che nessuno voglia sottovalutare la gravità dell’episodio e che, difronte alla replica dell’attentato la solidarietà a chi è stato colpito e la difesa della civiltà del confronto siano unanimi". Il cantiere del gasdotto è chiuso per non interferire con le attività turistiche, ma a quanto pare non sono affatto cessati gli episodi criminosi messi in atto da soggetti infiltratisi in un movimento, quello di opposizione al gasdotto, che osserva comportamenti pacifici anche se fermi.

Il tracciato terrestre del gasdotto Tap (che parte dal confine greco-turco), il cui tratto sottomarino tra Albania e Salento approderà a sud di San Foca, attraverserà anche il territorio di alcun i comuni del Brindisi prima di allacciarsi alla rete nazionale Brindisi-Minerbio. Tutti i segmenti del gasotto arrivano via nave a Brindisi e vengono stocati sulla nuovissima banchina di Costa Morena Est.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo attentato contro la ditta che cura gli ulivi per conto di Tap

BrindisiReport è in caricamento