San Vito dei Normanni, uccide la madre con cinque coltellate: bloccato dai carabinieri

Un 23enne sarebbe l'autore di un delitto avvenuto la scorsa notte all'interno di un appartamento nella zona 167 di San Vito dei Normanni

SAN VITO DEI NORMANNI – Ha ucciso la madre in casa, con cinque coltellate al torace. Un 23enne di San Vito dei Normanni è stato bloccato dai carabinieri nei pressi del portone della sua abitazione. Il delitto è stato consumato la scorsa notte (giovedì 19 marzo) in viale Vittime del lavoro 2, nei pressi della via per Carovigno, nella zona 167 di San Vito dei Normanni. La vittima è la 51enne Rossella Cavaliere. La donna conviveva insieme al figlio e a una figlia di 29 anni. 

Le segnalazioni dei vicini

Intorno alle ore 2 sono arrivate al 112 diverse segnalazioni di cittadini che riferivano di urla provenienti dall’abitazione del ragazzo. Sul posto si sono subito recati i carabinieri della locale stazione e del Norm della compagnia di San Vito dei Normanni diretti dal capitano Antonio Corvino e dal tenente Alberto Bruno.  I militari hanno subito fermato il 23enne, individuando sul muretto a secco limitrofo, il coltello a serramanico che lo stesso aveva utilizzato poco prima per colpire a morte la madre, con cinque fendenti al torace, a seguito di un litigio scaturito per futili motivi.

Il capitano Antonio Corvino-3

Trovata l'arma del delitto

Da quanto appurato dagli inquirenti, improvvisamente, intorno all'1.30 il ragazzo si sarebbe alzato dal letto impugnando il coltello a serramanico che lo stesso custodiva nella sua camera a letto e dopo aver raggiunto la madre nel corridoio, l’avrebbe colpita mortalmente, allontanandosi poi dall’abitazione.

Coltello omicidio San Vito dei Normanni-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arma del delitto è stata sottoposta a sequestro; sul luogo, il personale del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi per i rilievi del caso. Il pm di turno del tribunale di Brindisi, Alfredo Manca, ha disposto l’esame autoptico. Da quanto si apprende da una nota del comando provinciale dei carabinieri di Brindisi, non risultano richieste di intervento, anche pregresse, della famiglia al 112. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento