menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operaio in malattia, preoccupato di essere licenziato si toglie la vita

In infortunio da qualche mese per un problema di salute, preoccupato di essere licenziato si toglie la vita. E’ accaduto nella mattinata di oggi a Torchiarolo, vittima di questa debolezza un 51enne padre di famiglia, operatore ecologico

TORCHIAROLO – In infortunio da qualche mese per un problema di salute, preoccupato di essere licenziato si toglie la vita. E’ accaduto nella mattinata di oggi a Torchiarolo, vittima di questa debolezza un 51enne padre di famiglia, operatore ecologico. A fare la triste scoperta la moglie di ritorno dalla spesa.

L’uomo si era chiuso in camera da letto. Sul posto si sono recati oltre al personale del 118 che non ha potuto fare altro che constatare il decesso, si sono recati i carabinieri della locale stazione che hanno eseguito tutti gli accertamenti del caso.

E’ emerso che il netturbino doveva prolungare la malattia e che era preoccupato per un eventuale licenziamento, da lì l’insano gesto. La salma è stata restituita alla famiglia per i funerali.

Purtroppo negli ultimi giorni si sono verificati altri due casi di suicidio e solo ieri due persone hanno tentato di togliersi la vita.  In due casi si tratta di anziani colti da crisi di sconforto ricoverati in casa di riposo, situazioni che dovrebbero essere monitorate maggiormente sia dalle famiglie che dagli stessi centri di assistenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento