menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operaio insospettabile nascondeva 14 chili di droga in casa: arrestato

In manette un 35enne di Oria sottoposto a perquisizione domiciliare dai carabinieri della locale stazione. Trovai anche 14 grammi di hascisc

ORIA – Nascondeva ben 14 chilogrammi di marijuana un insospettabile operaio residente nelle campagne di Oria. Si tratta del 35enne Giuseppe Gioia, incensurato. L’uomo nella giornata di ieri (28 settembre) è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della locale stazione al comando del maresciallo Roberto Borrello.

Gioia aveva la fedina penale immacolata. Ma nel corso di alcuni servizi di controllo del territorio, i militari avevano notato due noti GIOIA Giuseppe classe 1982-2tossicodipendenti mentre uscivano dalla sua villetta in contrada Schiavoni, al confine con l’agro di Manduria, in due diverse circostanze. Cosa ci facevano due assuntori di droga in casa di un operaio che non aveva mai avuto guai con la giustizia? Per rispondere a questa domanda, i carabinieri ieri hanno fermato Gioia mentre procedeva nella periferia del paese alla guida della sua auto.

Nel corso della perquisizione veicolare non è stato trovato neanche un grammo di sostanza stupefacente. A destare l’attenzione delle forze dell’ordine, però, sono stati dei nastrini gommati che solitamente si utilizzano per confezionare le dosi di droga. Per questo i carabinieri hanno deciso di estendere la perquisizione anche alla casa di Gioia, con l’ausilio di un cane del Nucleo cinofili di Modugno.

All’interno dell’immobile, gli uomini in divisa hanno trovato 13 grammi di hascisc. Sospettando che quella fosse solo la punta dell’iceberg, i carabinieri hanno controllato con cura la casa, salendo anche su un terrazzo di difficile accesso. Qui sono stati trovati due scatoloni di cartone contenenti 53 bustoni di marijuana. A quel punto, Gioia è stato condotto in caserma. Da lì, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, è stato condotto presso la casa circondariale di Taranto, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento