menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parcheggi, si potrà pagare anche tramite smartphone

Avviso pubblico della partecipata Multiservizi per l’affidamento del servizio: convenzione sono a fine 2019

BRINDISI – Novità in chiave tecnologica per la sosta a Brindisi: tra qualche mese sarà possibile usare gli smartphone per pagare il ticket chiesto per il parcheggio sulle strisce blu. Questione di comodità. Perché il telefonino è sempre a portata di mano, gli spiccioli quando servono – per lo meno il più delle volte – non si trovano mai. E non c’è neppure chi riesca a cambiare le banconote.

strisce blu-2

La società Multiservizi, partecipata del Comune, cerca società a cui affidare “sistemi di pagamento della sosta elettronici con applicazioni per la telefonia mobile” e per questo il nuovo amministratore unico, Giovanni Palasciano (di nomina commissariale) ha firmato un avviso pubblico. Le offerte dovranno pervenire entro il 10 ottobre, a mezzo Pec, all’indirizzo di posta elettronica certificata brmulti@pec.it.

La srl – si legge – “è interessata ad ampliare i canali di vendita per il pagamento della sosta, anche con applicazioni sviluppate per apparati di telefonia mobile e, pertanto, intende offrire, in forma non esclusiva, a società esperte nel settore, il servizio di vendita dei titoli di sosta mediante applicazioni per telefonia mobile. Per tale attività non sarà prevista alcuna forma di esclusiva”.

La possibilità di pagare ricorrendo ai telefonini con la speciale applicazione dovrebbe essere valida per tutti i parcheggi dai in gestione alla Multiservizi: 1.682 stalli, 936 dei quali sono stati ricavati nella zona del Centro di Brindisi e gli altri 746 distribuiti nei diversi quartieri. Tutti gestiti finora con “titoli di sosta tipo gratta e sosta e mediante biglietti prodotti da parcometri, a fronte del pagamento mediante bancomat/carta di credito e monete”.

La Multiservizi “riconoscerà al fornitore del servizio il corrispettivo, convenuto nella percentuale (aggio) sull’acquisto, da parte delle società, di pacchetti prepagati di servizi sosta. La commissione non potrà essere superiore all’otto per cento”. Mentre le “spese di pubblicità, di stampa, degli adesivi da apporre sulle autovetture sono a carico del fornitore del servizio”. Quanto ai tempi per l’entrata in vigore della novità, non dovrebbero essere lunghi se la srl intende avviare la sperimentazione già da gennaio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento