Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Ostuni

Per evitare la perquisizione aggredisce e ferisce un poliziotto, arrestato

Quando i poliziotti vanno a casa sua per fare una perquisizione va in escandescenze e tenta di fermarli anche aggredendoli e ferendone uno. Oltre ad essere arrestato per detenzione ai fini di spaccio di marijuana, dovrà rispondere anche di resistenza, violenza o minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale

OSTUNI – Quando i poliziotti vanno a casa sua per fare una perquisizione va in escandescenze e tenta di fermarli anche aggredendoli e ferendone uno. Oltre ad essere arrestato per detenzione ai fini di spaccio di marijuana, dovrà rispondere anche di resistenza, violenza o minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale. Si tratta del 49enne di Martina Franca Giuseppe Carbotti, già noto alle forze dell’ordine. Nell’ambito della stessa operazione è stato denunciato il 48enne residente a Ostuni ma di fatto domiciliato a Martina Franca. In tutto sono stati sequestrati 80 grammi di hashish, 90 grammi di marijuana e materiale tipico per il confezionamento delle dosi oltre a 4 bilancini elettronici e un coltello con lama intrisa di droga.

L’operazione di controllo è stata eseguita dai poliziotti del commissariato di polizia di Ostuni, diretta dal commissario capo Gianni Albano, FOTO_CARBOTTI_G._classe_1967 (Detenzione_ai_fini_di_spaccio)-3nella giornata di ieri, martedì 22 marzo e rientra in un’attività, già avviata da mesi finalizzata alla prevenzione e repressione dei reati in generale ed in particolar modo, di quelli legati allo spaccio di droga.

È grazie a questo tipo di intervento che a cadenza quasi regolare i poliziotto ostunesi da mesi, ormai, arrestano spacciatori o sequestrano droga.  L’arresto e la denuncia di ieri arrivano proprio dopo una recente operazione antidroga svolta nel territorio del Comune di Cisternino, che ha permesso ai poliziotti della Squadra di Polizia giudiziaria della Città Bianca, di concentrare l’attenzione su un soggetto residente a Ostuni ma di fatto domiciliato in contrada Giancone, collocata a cavallo tra i territori dei Comuni di Ceglie Messapica e Martina Franca. La persona che poi è stata denunciata.

Il monitoraggio ha permesso di notare strani movimenti nei pressi della villa nonché presso i luoghi quotidianamente frequentati dal soggetto attenzionato: l’uomo è stato notato mentre veniva avvicinato da soggetti conosciuti quali assuntori di droga coi quali si intratteneva per gli accordi del caso finalizzati alla cessione dello stupefacente.

FOTO_CARBOTTI_2-3Dopo aver raccolto elementi in merito alla probabilità che all’interno della villa di campagna in questione potesse celarsi un’illecita attività di produzione di droga finalizzata allo spaccio, nella giornata di ieri, si è proceduto con la perquisizione. Fin dai momenti iniziali dell’operazione i presenti hanno tentato di contrastare l’azione dei poliziotti, nella villa c’erano anche due cani di grossa taglia di cui uno di razza Corso.

All’interno di un piccolo appartamento ricompreso nel perimetro della villetta, è stato trovato, debitamente occultato all’interno di un calzino, a sua volta nascosto tra varie masserizie, un involucro avvolto da pellicola trasparente contenente sostanza stupefacente del tipo hashish, in 8 stecchette dal peso di 10 grammi l’una e per un totale di 80 grammi.  Recuperati e sottoposti al sequestro penale, due bilancini elettronici nonché un coltello svizzero la cui lama presentava evidenti segni di hashish.

Proseguendo nelle operazioni, l’attenzione dei poliziotti ostunesi, si è concentrata su un altro mini appartamento, sempre ricompreso nella proprietà perquisita ed in uso ad un secondo soggetto. Questi, intuita la volontà dei poliziotti di accedere all’interno, ha cercato di bloccare i poliziotti assumendo un comportamento “irriguardoso” e di sfida nei confronti, “minacciandoli a muso duro ed opponendosi fisicamente alla continuazione dell’attività”.

Questo non ha impedito la prosecuzione delle operazioni di controllo. All’interno di questa abitazione, è stata trovata marijuana, contenuta in due involucri, per un peso complessivo di 90 grammi, nonché danaro ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio e 2 bilancini di precisione. Vistosi ormai scoperto, il secondo soggetto, trovando delle scuse e aizzando gli altri presenti proprio per confondere il personale operante si è dato alla precipitosa fuga, nascondendosi della fitta vegetazione che confina con la villa. Con non poche difficoltà, data l’intensa e quasi impenetrabile vegetazione, i poliziotti sono riusciti a trovarlo e riportarlo in casa.  Durante le fasi di ultimazione delle verifiche, lo stesso, però, ha dato nuovamente in escandescenze, spintonando un poliziotto tanto che lo stesso, con l’ausilio di altri colleghi, ha dovuto ammanettarlo.

Durante quest’ultime fasi un poliziotto è rimasto ferito, ha riportato lesioni guaribili in poco più di 7 giorni. Su disposizione del pubblico ministero di turno di Taranto, Daniela Putignano, si è proceduto con l’arresto di Carbotti e la denuncia dell’altro soggetto coinvolto.

“L’attività d’indagine sull’asse della droga Ostuni-Martina Franca, prosegue onde affinare ulteriori collegamenti fra i soggetti nella lente d’ingrandimento degli investigatori del Commissariato della Città Bianca. I servizi di controllo del territorio proseguiranno nei prossimi giorni nell’ottica della prevenzione e della repressione dei reati ed al fine della sicurezza generale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per evitare la perquisizione aggredisce e ferisce un poliziotto, arrestato

BrindisiReport è in caricamento