Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Protezione Civile pronta a fronteggiare l'emergenza incendi boschivi

Dopo l'impegno per fronteggiare le criticità di natura idrogeologica profuso nel periodo invernale (piogge alluvionali e nevicate) il Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile di Brindisi è pronto per affrontare la stagione estiva e gli incendi boschivi in particolare. Questa mattina (venerdì 26 giugno) presso la sede del Coordinamento provinciale

BRINDISI - Dopo l’impegno per fronteggiare le criticità di natura idrogeologica profuso nel periodo invernale (piogge alluvionali e nevicate)  il Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile di Brindisi è pronto per affrontare la stagione estiva e gli incendi boschivi in particolare.
Questa mattina (venerdì 26 giugno) presso la sede del Coordinamento provinciale delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile della provincia di Brindisi -  presso la Cittadella della Ricerca a Brindisi - si è tenuta una conferenza stampa per la presentazione delle attività che saranno attuate dalle associazioni di volontariato della Protezione Civile operanti sul territorio provinciale per tutta la stagione estiva per far fronte agli incendi boschivi.

Alla conferenza stampa sono intervenuti Giannicola D’Amico, Presidente del Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile, l’ing. Lucia Di Lauro, Dirigente Servizio di Protezione Civile della Regione Puglia, e il geom. Raffaele Celeste, responsabile del Cor – Centro Operativo Regionale – della Protezione Civile della Regione Puglia.

Il fenomeno degli incendi boschivi è la causa prevalente e ricorrente del depauperamento del patrimonio boschivo della Regione Puglia.
La legge quadro in materia di incendi boschivi (L.353/2000) assegna alle Regioni il compito di programmare la lotta attiva agli incendi boschivi e di coordinare le strutture operative proprie, unitamente a quelle statali sulla base di accordi di programma, nonché di impiegare il personale appartenente alle associazioni di volontariato riconosciute.

Quest’anno saranno 16 le associazioni di Protezione civile operanti sul territorio provinciale brindisino che, sotto il coordinamento della Sala operativa della Protezione civile regionale, svolgeranno attività di monitoraggio del territorio e di primo intervento di spegnimento. Ci sono tra l’altro 2 nuove associazioni che andranno a coprire altri due territori comunali 

Una attività che è già partita nei giorni scorsi (associazioni appartenenti a questo Coordinamento, infatti, hanno già operato su diversi incendi) e che terminerà  il 15 settembre prossimo. Con proprio decreto, infatti, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha sancito lo stato di grave pericolosità legato agli incendi boschivi nel periodo 15 giugno – 15 settembre.

In totale ogni giorno saranno operative sul territorio provinciale 16 squadre per un totale di oltre 50 volontari che, con mezzi attrezzati, svolgeranno sia attività di monitoraggio e controllo nelle aree boschive della provincia e di primo intervento in caso di incendi boschivi (intesi per tali quelli che interessano aree boscate, cespugliate o arborate) e di interfaccia ( quelli che si sviluppano in prossimità di insediamenti abitativi e che potrebbero Un momento della conferenza stampa di presentazione della campagna antincendio della Protezione civile-2come tale interessare tali insediamenti e quindi mettere in pericolo la vita umana).

Un impegno ormai quindicennale quello delle associazioni di volontariato di Protezione civile sparse sul territorio provinciale, che ha permesso negli anni scorsi di limitare la piaga degli incendi boschivi e di interfaccia soprattutto nelle zone ad alto pregio ambientale e naturalistico della provincia.

Gli interventi di lotta attiva contro gli incendi boschivi svolti dai volontari comprenderanno nel 2015: attività di ricognizione, vigilanza e avvistamento avente lo scopo di segnalare tempestivamente l’insorgere dell’incendio; controllo della propagazione del fuoco; spegnimento per azione diretta a terra; bonifica. Il tutto assicurando reperibilità h24 e turnazioni in varie zone del territorio provinciale.

In totale saranno impiegati 16 mezzi speciali attrezzati con modulo antincendio e attrezzature specifiche (flabelli, soffiatori, binocoli) che saranno impiegati sia nella attività di monitoraggio che di primo intervento di spegnimento.

L’impegno, dunque, dei volontari brindisini continua e si perfeziona sempre di più. 

Giannicola D'Amico-2“Anche quest’anno ci accingiamo ad affrontare la campagna antincendio boschivo e lo facciamo con lo spirito di sempre – spiega il presidente del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione Civile di Brindisi Giannicola D’Amico – a servizio della comunità e con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio ambientale e naturalistico e in alcuni casi anche di evitare il propagarsi di incendi in zone abitate. Per tutta l’estate centinaia di volontari rinunceranno alle ferie e al mare per dedicarsi a quella che è diventata una missione per il sistema di Protezione civile brindisino. Oltre a ciò garantiremo la presenza di squadre antincendio anche nella lotta agli incendi boschivi nel “cuore” del Gargano, inviando mezzi e volontari anche presso il campo operativo allestito dalla Regione Puglia presso la Caserma di Jacotenente, e lungo la costa ionico-salentina presso il neo istituito campo operativo a San Pietro in Bevagna, nell’ambito di uno specifico gemellaggio tra la nostra regione e le Regioni Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e l’Associazione Nazionale Alpini”.

Saranno 6 le associazioni, con altrettanti mezzi e 24 volontari, che contribuiranno alla lotta agli incendi boschivi nel Parco Nazionale del Gargano presso il Campo Operativo di Jacotenente nel “cuore” della Foresta Umbra; mentre saranno 11 le associazioni, con altrettanti mezzi e 33 volontari, che opereranno presso il campo operativo di Masseria Marina a San Pietro in Bevagna. Lucia Di Lauro-2
In totale, dunque, oltre all’impegno sul territorio provinciale brindisino, le associazioni di volontariato di Protezione civile della provincia di Brindisi garantiranno la presenza di 57 volontari nel corso della estate presso i campi operativi con l’impiego di 17 mezzi. 

Anche il Coordinamento Provinciale, tramite suoi rappresentanti, supporterà i funzionari della Regione Puglia nella gestione della segreteria dei campi e delle attività di coordinamento.

Contestualmente nel corso della estate partiranno i Corsi per operatore di Anti-Incendio Boschivo, che saranno finanziati dal Servizio di Protezione Civile della Regione Puglia e organizzati dal Coordinamento Provinciale di Brindisi, che permetteranno a nuovi volontari di Protezione Civile di formarsi e prepararsi adeguatamente.

Queste le associazioni che opereranno sino al 15 settembre prossimo (salvo proroghe dovute a condizioni meteo favorevoli alla propagazione dei roghi) in convenzione con la Regione Puglia per lo svolgimento di attività nell’ambito della campagna antincendio 2015: 

1.    ASSOCIAZIONE BRUNDA – BRINDISI
2.    ASSOCIAZIONE UN CUORE PER TUTTI – CELLINO SAN MARCO
3.    GRUPPO PROTEZIONE CIVILE – CISTERNINO
4.    PROCIV ARCI – ERCHIE
5.    ASSOCIAZIONE C.B. QUADRIFOGLIO – FASANO – MONTALBANO
6.    PROCIV ARCI – FRANCAVILLA FONTANA
7.    SERVIZIO EMERGENZA FRANCAVILLA – FRANCAVILLA FONTANA 
8.    ASSOCIAZIONE RADIO C.B. – MESAGNE
9.    NUCLEO VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE – ORIA
10.    ASSOCIAZIONE VOLONTARI SEROSTUNI – OSTUNI
11.    ASSOCIAZIONE RADIO CLUB  C.B.  – SAN DONACI
12.    MISERICORDIA – SAN PANCRAZIO SALENTINO
13.    ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE  - SAN PIETRO VERNOTICO
14.    ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE – SAN VITO DEI NORMANNI
15.    ASOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE - TORCHIAROLO
16.    ASSOCIAZIONE A. GALLU’ – TORRE SANTA SUSANNA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protezione Civile pronta a fronteggiare l'emergenza incendi boschivi

BrindisiReport è in caricamento