Rapina all'ufficio postale: banditi armati di pistola e cutter seminano il panico

Due uomini con volti coperti da mascherine anti Covid in azione ieri mattina in viale Commenda, in presenza di numerosi utenti

foto di repertorio

BRINDISI – Due rapinatori hanno seminato il panico ieri mattina (martedì 23 giugno) all’interno dell’ufficio postale situato in viale Commenda. I banditi hanno fatto irruzione intorno alle ore 13.30, in presenza di numerosi clienti. I malfattori, come tutti gli altri utenti, avevano i volti coperti da mascherine anti Covid. 

Si è capito che non erano lì per un servizio postale solo quando si sono separati. Uno, armato di un taglierino, ha aggirato il bancone, su cui erano installate le barriere di plexiglass, e ha costretto i dipendenti ad aprire le casse. L’altro, sotto la minaccia di una pistola poi rivelatasi giocattolo, ha tenuto sotto controllo i clienti, impossessandosi dei telefoni cellulari di ognuno di loro. Una volta racimolato il bottino, pari ad alcune centinaia di euro, i malviventi si sono disfatti della pistola, hanno lasciato per terra i telefoni cellulari e si sono diretti verso una Lancia Y parcheggiata davanti all’ufficio postale, presumibilmente condotta da un terzo complice. Poi hanno fatto perdere le loro tracce.

Una donna, purtroppo, sopraffatta dallo spavento, è stata soccorsa da personale del 118. Sul posto si sono recati sia i carabinieri che la polizia. Le indagini sono di competenza della Squadra Mobile, che sta vagliando le immagini riprese dalle telecamere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • La Puglia passa in zona gialla: cosa cambia fino al 21 dicembre

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento