menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Walter Facciotto, direttore generale Conai, Gianfranco Coppola, sindaco di Ostuni, Gaetano Nacci, assessore all'ambiente del Comune di Ostuni, Filippo Bernocchi, delegato Anci a Energia e Rifiuti

Da sinistra Walter Facciotto, direttore generale Conai, Gianfranco Coppola, sindaco di Ostuni, Gaetano Nacci, assessore all'ambiente del Comune di Ostuni, Filippo Bernocchi, delegato Anci a Energia e Rifiuti

Rapporto Anci-Conai sulla raccolta differenziata: premiata anche Ostuni

Un Comune virtuoso che nel 2015 ha superato, con ben 5 anni di anticipo, l’obiettivo UE fissato per il 2020 del 50% di avvio a riciclo dei rifiuti urbani. E’ con questa motivazione che la Città di Ostuni è stata premiata oggi a Roma nel corso della presentazione del VI Rapporto Banca Dati Anci-Conai

OSTUNI - Un Comune virtuoso che nel 2015 ha superato, con ben 5 anni di anticipo, l’obiettivo UE fissato per il 2020 del 50% di avvio a riciclo dei rifiuti urbani. E’ con questa motivazione che la Città di Ostuni è stata premiata oggi a Roma nel corso della presentazione del VI Rapporto Banca Dati Anci-Conai su raccolta differenziata e riciclo dei rifiuti, in cui sono stati premiati  i 9 Comuni e le 3 Città Metropolitane che hanno raggiunto nel 2015 le migliori performance in termini di raccolta differenziata.

L'obiettivo - Fra i 3.549 comuni - il 13% in più rispetto al 2014 - che hanno raggiunto l’obiettivo “2020” della direttiva europea del 1998, quello di Ostuni si è classificato al terzo posto fra le new entry nella classe demografica compresa tra 25.000 e 50.000 abitanti, con il 70,96% di rifiuti avviati a riciclo; ottimo anche il risultato della raccolta differenziata, che ha toccato quota 75,27%.

“Questa è l’Italia delle Circular City - ha spiegato Filippo Bernocchi, delegato Anci a Energia e Rifiuti - un sistema virtuoso che nel contesto europeo costituisce sempre di più un modello da imitare. I rifiuti rappresentano l’elemento essenziale nel passaggio dall’economia lineare a quella circolare, una sfida nella quale i Comuni stanno giocando un ruolo di primissimo piano, avendo sviluppato al loro interno un’industria del riciclo efficiente che ha trasformato i rifiuti in una reale opportunità di sviluppo per i territori”.

“Insieme a Salerno”, dice il sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, “siamo gli unici due comuni dell’Italia meridionale in un quadro desolante per quanto riguarda la raccolta differenziata ed il riciclo dei rifiuti. Siamo onorati per essere l’unico Comune di una regione che vuole essere leader dal punto di vista turistica e che deve fare della sostenibilità l’obiettivo prioritario”. “Una grande soddisfazione” dice l’assessore all’ambiente, Gaetano Nacci “un riconoscimento che va condiviso con i cittadini di Ostuni, con l’ufficio ambiente con la ditta appaltatrice del servizio e con tutti i dipendenti della stessa. Solo remando con un obiettivo comune si possono raggiungere questi risultati”.

La situazione nel Brindisino e in Italia - In realtà, nel Brindisino ci sono nel 2015 anche altri Comuni con percentuali di differenziata superiori al 50 per cento, e in alcuni casi anche al 70 per cento. Su venti Comuni, quelli che non hanno raggiunto il 50 per cento di differenziata (dati di agosto 2016 su dichiarazione delle stesse amministrazioni) invece sono 9: Ceglie Messapica, Carovigno, Brindisi, Cellino San Marco, Cisternino, Oria, San Donaci, San Pietro Vernotico e Torchiarolo. Quindi, oltre alla situazione critica del capoluogo, ma anche di alcuni centri della zona sud, anche alcune città con ambizioni turistiche non sono riuscite a fare il loro dovere

A livello nazionale, sale da otto a nove il numero di Regioni italiane che hanno raggiunto, con ben 5 anni di anticipo, l’obiettivo UE del 50% di avvio a riciclo fissato per il 2020, e non c’è la Puglia: Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Marche, Sardegna e la “new entry” Valle D’Aosta.

I Comuni che hanno già superato l’obiettivo della Direttiva Europea sono 3.549, un dato in aumento del 13% rispetto al 2014 e del 58,29% rispetto al 2013. Lo studio evidenzia un lieve aumento (+0,78%) della produzione dei rifiuti urbani nel 2015, che si attesta a 512 kg per abitante, mentre la percentuale di raccolta differenziata (+3,32%) cresce più velocemente rispetto a quella di avvio al riciclo (+1,77%), una forbice dovuta in larga parte alla qualità dei materiali raccolti. Grazie all’incremento delle quantità di rifiuti avviati al riciclo, si sono evitate emissioni di CO2 equivalenti pari a 1.792.064 tonnellate, un dato in aumento del 32,75%.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento