menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raptus di gelosia a Natale: scarcerato il 40enne brindisino

Il Riesame sostituisce gli arresti domiciliari con il divieto di avvicinarsi all'abitazione dell'ex ragazza che aveva sporto denuncia: deve tenersi ad almeno 100 metri di distanza. Cade l'accusa di rapina, accolto il ricorso del difensore

BRINDISI – Nove giorni agli arresti con l’accusa di aver aggredito e rapinato l’ex fidanzata la sera di Natale, prima di tornare in libertà: F.A, 40 anni, di Brindisi, è stato scarcerato dal Tribunale del Riesame, su ricorso del difensore Daniela d’Amuri.

daniela d'amuri-6I giudici del collegio di Lecce hanno sostituito la misura degli arresti domiciliari con quella del divieto di avvicinarsi all’abitazione dell’ex ragazza, anche lei residente a Brindisi. Era stata l’ex compagna a sporgere denuncia riferendo un episodio che, stando al suo racconto, sarebbe avvenuto la sera della vigilia di Natale, al momento dello scambio degli auguri.

Lui avrebbe visto sul telefonino di lei, un messaggio. Tanto sarebbe bastato a scatenare l’ira e poi il raptus di gelosia sfociato nell’aggressione e nella sottrazione del cellulare, fatto contestato come rapina impropria.

La penalista (nella foto accanto) ha presentato ricorso al Riesame contestando quest’ultima imputazione e il Tribunale ha accolto parzialmente l’istanza, riqualificando il reato come furto con strappo. Al tempo stesso ha disposto il divieto per il 40enne di avvicinarsi all’abitazione in cui vive la giovane donna, imponendo di rispettare la distanza di almeno cento metri e il divieto di comunicare tramite qualsiasi mezzo. Le motivazioni saranno depositate nei prossimi giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento