menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reati ambientali ed agroalimentari, a Ostuni un incontro pubblico

L'importanza dell'ecosistema nell'ordinamento penale italiano: reati ambientali ed agroalimentari è il tema della riflessione a più voci che l'Università delle Tre Età in collaborazione con il Rotary

OSTUNI - L’importanza dell’ecosistema nell’ordinamento penale italiano: reati ambientali ed agroalimentari è il tema della riflessione a più voci che l’Università delle Tre Età in collaborazione con il Rotary ha organizzato per venerdì 17 febbraio 2017, ore 17.30, presso l’Auditorium della Biblioteca Comunale di Ostuni.,

Le relazioni sullo stato dell’arte in materia di tutela ambientale e di difesa dei prodotti made in Italy da  parte degli Enti e delle Istituzioni caselli01g-2preposte, a partire dall’Osservatorio sulle Agromafie, ma anche della Magistratura e delle Forze dell’Osrdine, saranno tenute da specialisti ed esperti del settore, a partire dall’avvocato Stefano Palmisano su "Gli ecoreati" , dall’avvocato Mario Monopoli su "Le agromafie", dall’avvocato Roberto Ruta su "Nuove norme in materia di reati agroalimentari" e dal dottor Giancarlo Caselli su "La tutela dell’ecosistema in ambito processuale".

"Un tema di grande interesse e di stringente attualità – dichiara Lorenzo Cirasino, Presidente dell’Unitre – visto l’interesse che la malavita dimostra verso il settore agroalimentare nel quale investe capitali sempre più ingenti con un pericoloso impatto non solo sul tessuto economico ma anche sulla salute dei cittadini e dell’ambiente". Coordinerà i lavori l’avvocato Gianmichele Pavone, cultore della materia in Diritto processuale penale presso l’Università del Salento e referente del Progetto Miur della Camera Penale di Brindisi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento