Recuperati mezzi agricoli rubati

FASANO - I carabinieri della stazione di Fasano, indagando sul fenomeno del furto di mezzi agricoli che continua a colpire nella zona, hanno rintracciato e recuperato un'attrezzatura completa per la raccolta ed il trasporto delle olive, chiaramente di provenienza illecita. Un 47enne del posto, F.M., è stato denunciato a piede libero per ricettazione.

La sede della compagnia carabinieri di Fasano

FASANO - I carabinieri della stazione di Fasano, indagando sul fenomeno del furto di mezzi agricoli che continua a colpire nella zona, hanno rintracciato e recuperato un'attrezzatura completa per la raccolta ed il trasporto delle olive, chiaramente di provenienza illecita. Un 47enne del posto, F.M., è stato denunciato a piede libero per ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sospettato è stato trovato dai carabinieri nella disponibilità di un rimorchio agricolo ribaltabile e una macchina operatrice per la raccolta delle olive, entrambi con la matricola abrasa e dei quali non ha saputo giustificarne il possesso e la provenienza. I mezzi sono stati sottoposti a sequestro.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento