menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum, anche a S.Donaci gli scrutatori sorteggiati tra i disoccupati

Anche quest'anno l'Amministrazione comunale di San Donaci, guidata dal sindaco Domenico Fina, ha deciso di scegliere gli scrutatori tra i disoccupati

SAN DONACI – Anche quest'anno l'Amministrazione comunale di San Donaci, guidata dal sindaco Domenico Fina, ha deciso di scegliere gli scrutatori tra i disoccupati. Nella giornata di ieri, mercoledì 23 marzo, la commissione elettorale composta dal sindaco che è il presidente, Maurizio Greco, Gianluca Zurlo e Angelo Presta, ha fissato i criteri per la nomina degli scrutatori per il referendum anti trivelle del 17 aprile prossimo, e proceduto con il sorteggio degli stessi. Sono 63 le persone estratte dall’elenco degli iscritti all’Albo, 21 i posti disponibili. I primi 21 di coloro che sono stati sorteggiati verranno convocati e se disoccupati dovranno produrre un’autocertificazione. I lavoratori verranno scartati e per la loro sostituzione si attingerà dall’elenco dei sorteggiati.

La commissione ha anche deliberato  che gli scrutatori sorteggiati in questa tornata vengano esclusi nella prossima che si terrà  nella  sessione autunnale dell'anno in corso. “Fin dal suo insediamento la giovane e dinamica squadra del sindaco Domenico Fina ha messo in atto scelte che guardassero nella direzione del vero bisogno e, proprio in occasione delle consultazioni elettorali, San Donaci è stata tra i pionieri di questo nuovo "welfare elettorale" – si legge in una nota dell’amministrazione - dare la possibilità di essere scelti come scrutatori non cambia la vita ma è giusto oltre che nobile indirizzare le poche risorse a chi ha effettivamente bisogno. Ovviamente, tale scelta politica, vedrà in prima linea l'Amministrazione Fina sempre, anche quando si dovrà votare per le prossime amministrative”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento