Cronaca San Pietro Vernotico

S.Pietro toilette a cielo aperto: cittadini costretti a mettere cartelli anti incivili

Costretta a tappezzare il prospetto della propria abitazione che si affaccia su due strade che si incrociano di cartelli che invitano (con tanto di "per favore") gli incivili che portano a spasso il proprio amico a quattro zampe a raccogliere i suoi escrementi

SAN PIETRO VERNOTICO – Costretta a tappezzare il prospetto della propria abitazione che si affaccia su due strade che si incrociano di cartelli che invitano (con tanto di “per favore”) gli incivili che portano a spasso il proprio amico a quattro zampe a raccogliere i suoi escrementi. Accade a San Pietro Vernotico, precisamente in via Fanin e via Pier Giovanni Rizzo, dove una residente è esasperata dallo spettacolo nauseabondo che è costretta a subire tutte le mattine quando esce da casa.  Il marciapiede che costeggia la sua abitazione è pieno di deiezioni canine. Nei giorni scorsi anche altri residenti di via Fanin avevano fatto ricorso allo stesso metodo per invitare i padroni dei cani a non lasciare le strade sporche. Alcuni di questi manifesti sarebbero stati rimossi da passanti.

cartello cani via fanin1-2

Non accade solo in queste due vie, ma in molte, se non tutte le strade del paese. E i cittadini sono stanchi, lo dicono continuamente attraverso Facebook postando foto di angoli luridi, lo dicono nelle piazze, per strada. Lo dicono agli stessi amministratori. San Pietro Vernotico sta attraversando una fase di totale degrado e abbandono dal punto di vista del decoro urbano. Le strade sono piene di erba infestante, di buche che stanno diventando voragini, di rattoppi non proprio perfetti, e in alcuni casi anche sporche. E basta fare una passeggiata per le vie del paese, dal centro alla periferia, per rendersi conto dello stato in cui versa.

cartello cani via pier giovanni rizzo-2

Accanto alle inadempienze di chi dovrebbe provvedere al decoro urbano c’è l’inciviltà dei cittadini, il menefreghismo nei confronti della cosa pubblica, delle strade, dei parchi, delle piazze da parte di chi vive nel paese. I cassonetti di raccolta delle deiezioni canine non vengono sempre svuotati, in alcuni casi sono stati divelti. Ma anche questo non autorizza i proprietari dei cani a lasciare gli escrementi per terra. Ne va dell’igiene pubblica e della salute dei cittadini. Oltre che dell’immagine del paese stesso. Fare lo slalom tra gli escrementi non è certo una bella avventura per chi cammina a piedi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

S.Pietro toilette a cielo aperto: cittadini costretti a mettere cartelli anti incivili

BrindisiReport è in caricamento