rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca San Michele Salentino

Estorsione a imprenditore, arrestata compagna del boss Cantanna

"Veniamo per conto di Carlo Cantanna (boss della Scu, ndr) ci devi dare duemila euro, giovedì veniamo a prendere i soldi". Giovedì, ad attenderli, c'erano i carabinieri.

SAN MICHELE SALENTINO “Veniamo per conto di Carlo Cantanna (boss della Scu, ndr) ci devi dare duemila euro, giovedì veniamo a prendere i soldi”. Giovedì, ad attenderli, c’erano i carabinieri. È così che nel pomeriggio di giovedì 23 ottobre sono finiti in manette Barbara Carbone, 42enne di Mesagne compagna di Cantanna e Giovanni Mingolla 48 anni di Oria. Sono accusati di estorsione.

I fatti si sono verificati lunedì 20 ottobre, la vittima è un imprenditore di San Michele Salentino che opera nel settore del legname. I due estorsori hanno utilizzato il nome del noto boss della Scu per intimorire la persona taglieggiata ma questo espediente non è servito a portare a termine l’estorsione. L’imprenditore è andato diritto diritto ai carabinieri della locale stazione raccontando l’accaduto. I militari, così hanno organizzato la cattura: quando la vittima e si suoi estorsori si sono incontrati per la consegna del pizzo sono sbucati i militari che lo hanno ammanettati.  Entrambi gli autori della richiesta estoriva sono stati rinchiusi  in carcere.

CARBONE Barbara-2-2Ora si tratta di stabilire, nello sviluppo delle indagini, se dietro l'episodio vi sia una rete di vicende simili, in cui è stato speso il nome del pezzo grosso della vecchia Sacra corona unita di Mesagne ( e non è cosa che si possa fare tenendo l'interessato all'oscuro, a meno che gli arrestati non si siano assunti il rischio di fare ciò). Carlo Cantanna era la persona che controllava sino agli anni Novanta anche la malavita affiliata alla Scu dei centri di San Vito dei Normanni, San Michele Salentino, Carovigno e delle campagne intorno a questi centri (Nella foto, Barbara Carbone).

E' il soggetto al quale, tra i primi, è stata applicata la confisca dei beni e la loro successiva assegnazione a Libera Terra, che li ha messi a frutto. Cantanna, detenuto da molti anni. Festa a masseria Canali con Libera. Don Ciotti: "Riutilizzo dei beni confiscati crea lavoro"
Masseria Canali, uno dei beni confiscati a Cantanna, trasfornato in masseria didattica, è stata inaugurata il 10 luglio scorso alla presenza di Don Ciotti, oltre che del presidente delle coop legate all’associazione ‘contro tutte le mafie’, Alessandro Leo, del sindaco di Mesagne, Franco Scoditti e del presidente del consiglio comunale di Mesagne, Fernando Orsini, in un clima di festa e di speranza.

MINGOLLA Giovanni “Qui si afferma la supremazia dello Stato nel contrasto della criminalità e alle mafie. Da beni esclusivi in mano mafiosa, diventano beni condivisi comunità. Questa restituzione ha un valore etico, sociale ma anche politico” aveva detto nell'occasione don Ciotti ai giornalisti, soffermandosi su un tema importante, perché gli sforzi che da lustri Libera compie in tutto il Paese non abbiano soltanto valore simbolico.

Carlo Cantanna affronterà a dicembre, assieme ad altri 21 imputati, il processo per una catena di omicidi e ferimenti commissionati da elementi della Sacra corona unita su cui ha indagato la Direzione distrettuale antimafia di Lecce (pm Alberto Santacatterina) utilizzando anche 11 collaboratori di giustizia. Il boss, attualmente detenuto nel supercarcere di Tarni, con altri cinque imputati ha optato per il giudizio con il rito ordinario e comparirà in aula il 16 dicembre per la prima udienza (Nella foto, Giovanni Mingolla).

Omicidi e ferimenti in chiave Scu: tutti a processo da dicembre. Due parti civili
I fatti contestati a vario titolo ai 22 rinviati a giudizio lo scorso 30 settembre sono  l’omicidio di Nicolai Lippolis, avvenuto nel 1998 a Bar in Montenegro; il ferimento di Claudio Facecchia, avvenuto nel 1997 a Mesagne; l’omicidio di Antonio Molfetta, detto Toni Cammello, consumato nel maggio 1998; l’omicidio di Antonio D’Amico, il 9 settembre 2001 sulla diga di Punta Riso a Brindisi; il ferimento di Tobia Parisi, il 31 maggio 2009 davanti alla discoteca Aranceto a Ostuni; il tentato omicidio di Francesco Palermo, avvenuto il 20 gennaio 2010 a Mesagne; il ferimento di Franco Locorotondo, il 26 marzo 2010 a Mesagne; il ferimento di Francesco Gravina, detto Gabibbo, il 13 agosto 2010; il ferimento di Vincenzo Greco, il primo luglio 2010, a Mesagne, e l'uccisione di Tommaso Marseglia tra San Vito dei Normanni e Specchiolla, avvenuta nella notte tra il 22 e il 23 luglio 2001, che sarebbe stato commissionato proprio da Cantanna.

 

Potrebbe interessarti: http://www.brindisireport.it/cronaca/brindisi-operazione-zero-omicidi-ferimenti-tutti-a-processo.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BrindisiReportit/129694710394849


 

Potrebbe interessarti: http://www.brindisireport.it/cronaca/mesagne-libera-don-ciotti-masseria-canali-riutilizzo-lavoro.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BrindisiReportit/129694710394849

Potrebbe interessarti: http://www.brindisireport.it/cronaca/brindisi-operazione-zero-omicidi-ferimenti-tutti-a-processo.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BrindisiReportit/129694710394849

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorsione a imprenditore, arrestata compagna del boss Cantanna

BrindisiReport è in caricamento