Cronaca Villa Castelli

Sentenza sulle elezioni: "La vicenda non è ancora chiusa"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera del sindaco di Villa Castelli, Vitantonio Caliandro, sulla sentenza riguardante le elezioni amministrative del 2009

RIceviamo e pubblichiamo una lettera del sindaco di Villa Castelli, Vitantonio Caliandro, sulla sentenza riguardante le elezioni amministrative del 2009. 

Gentile dott. Orlandini,

Le scrivo al fine di garantire una corretta informazione in merito alle vicende che hanno portato il tribunale di Brindisi a condannare in primo grado per il reato di falso ideologico i 5 ragazzi di Villa Castelli. Innanzitutto va precisato che nel 2009 il TAR di Lecce annullo l elezioni avendo riscontrato irregolarità in 6 delle 7 sezioni, tanto gravi da travolgere l'intera procedura elettorale; Non quindi solo per la mancata corrispondenza delle schede bianche nelle sezioni 1 e 6 come erroneamente riportato.

In seguito, mentre il consiglio di stato sospendeva gli effetti della sentenza del TAR in attesa di conoscere gli esiti della querela di falso adita  innanzi al tribunale di Brindisi, la Digos concludeva mesi di approfondite indagini col conseguente rinvio a giudizio di 14 tra presidenti di sezioni e segretari. Ad oggi , nessuna sentenza è stata emessa essendo il processo ancora in corso.

Non va poi dimenticato che sempre nello stesso periodo furono recapitate per ben due volte ad un candidato consigliere schede elettorali votate (con preferenza lista caliandro) schede che da un attenta verifica risultarono essere originali, per cui ad oggi non è dato sapere come mai fossero finite fuori dai seggi elettorali (per alcuni rappresentanti politici locali  sarebbe tutto lecito!!!!!!!sic!!!!!).

Pertanto la sentenza di cui si discorre non può considerarsi conclusiva bensì un esito parziale di una vicenda che nonostante si trascini oramai da troppo tempo resta ancora tutta da chiarire.

Risposta del direttore Marcello Orlandini - Una sentenza è una sentenza e noi ne abbiamo riferito in maniera corretta. Il giudice ha considerato talmente grave la vicenda da non concedere attenuanti neppure ai tre imputati incensurati oltre che ai due con precedenti penali. Ovviamente ci sarà un giudizio di appello e probabilmente anche una sentenza della Cassazione se gli imputati proporranno ricorso. Nessuno ha scritto che la storia è finita qui. Ma le conclusioni non può immaginarle nè anticiparle nessuno, incluso il sindaco Caliandro.

LA SENTENZA IN FORMATO PDFsentenza Villa Castelli-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sentenza sulle elezioni: "La vicenda non è ancora chiusa"

BrindisiReport è in caricamento