Cronaca

Sequestrata centrale di riciclaggio di auto rubate: tre denunce

Targhe, un motore, sportelli e altri parti di auto rubate sono state ritrovati dai poliziotti della Squadra Amministrativa della questura di Brindisi nel corso di un controllo effettuato ieri presso l'autodemolitore "Car"

BRINDISI – Targhe, un motore, sportelli e altri parti di auto rubate sono state ritrovati dai poliziotti della Squadra Amministrativa della questura di Brindisi al comando del vicequestore Francesco Barnaba nel corso di un controllo effettuato ieri presso l'autodemolitore “Car”, situato all’altezza del chilometro 715 della strada statale 7 per Taranto, carreggiata Sud. Il titolare dell’attività, il 42enne V.C., e due operai presenti nel deposito al momento dell’ispezione, il 24enne M.L. e il 37enne F.C., sono stati denunciati per riciclaggio e ricettazione in concorso di autovetture e parti di esse. L’area è stata posta sotto sequestro per ulteriori accertamenti che nei prossimi giorni verranno effettuati dagli esperti della Scientifica.

Gli operai hanno tentato di intralciare l’operato dei poliziotti, con lo stratagemma di dover legare dei cani di grossa taglia che circolavano liberamente nel piazzale. Insospettiti da tale azione di disturbo, gli agenti hanno fatto immediatamente irruzione, intimando alle persone presenti di sospendere ogni attività . Nel corso del sopralluogo, le forze dell’ìordine hanno trovato sul terrazzino di un deificio undici targhe di autoveicoli (sia anteriori che posteriori).

Da un accertamento attraverso la banca dati della polizia è emerso come le stesse appartenessero ad altrettante macchine rubate nelle provincie di Brindisi e Lecce, nel periodo compreso fra febbraio e inizio marzo. A quel punto, si sono recati sul posto anche i poliziotti della Squadra mobile e della Scientifica, per proseguire con un controllo ancora più accurato. E le sorprese non sono mancate, perché gli investigatori hanno rinvenuto, all’interno di un’officina, un blocco motore abbinato a una Renault Capture rubata lo scorso 1 marzo a Lecce, mentre nelle immediate vicinanze di un compattatore si trovava la scossa della stessa auto, già compattata.

Non solo. In altri ambienti sono stati individuati anche sportelli ed altri pezzi di carrozzeria già smontati. L’area ospitava anche altri motori e parti di auto già smontate che dovranno essere sottoposti ad accurati controlli. Per questo l’immobile è stato posto sotto sequestro. L’obiettivo dei poliziotti adesso è quello di allargare il raggio delle persone coinvolte nell’attività illecita, fino a risalire agli autori dei furti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata centrale di riciclaggio di auto rubate: tre denunce

BrindisiReport è in caricamento