Due arresti e quattro denunce in vari centri del Brindisino

Servizi dei carabinieri a Carovigno, Latiano, Fasano e Brindisi. Eseguiti due ordini della magistratura

Due arresti e quattro denunce a piede libero sono il bilancio di servizi effettuati dai carabinieri in provincia di Brindisi, sia su disposizione della magistratura che nell’ambito del controllo del territorio e del rispetto del codice della strada. Gli arresti a Carovigno e Latiano, le denunce a Fasano e Brindisi.

I carabinieri della stazione di Carovigno hanno eseguito un ordine di carcerazione per condanna definitiva emesso il 21 marzo dalla Procura della Repubblica nei confronti di Antonio Summa, 26 anni, tratto in arresto e trasferito alla casa circondariale di Brindisi. Summa deve espiare la pena residua di 3 mesi di reclusione per il reato di ricettazione per una vicenda avvenuta a Mesagne nel 2015, quando l’interessato si appropriò, secondo la con danna, di un telefono cellulare nell’ipermercato Auchan.

 I carabinieri della stazione di Latiano hanno arrestato invece un 17enne originario della provincia di Bari. Il minorenne nel luglio 2018 aveva commesso un furto all’interno di un’attività commerciale, e sud ecisione del magistrato competente era stato assegnato ad una comunità. Ma il 9 e il 14 marzo si è allontanato dalla stessa, tuttavia facendo poi ritorno. Ciò costituisce una violazione degli obblighi imposti dalla misura cautelare, pertanto nei confronti del minorenne è stato disposto un aggravamento della misura, e la traduzione nell’Istituto “Fornelli” di Bari.

I carabinieri della compagnia di Fasano sono stati impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio urbano, ma delle aree periferiche e costiere, e delle frazioni e contrade. Nell’ambito di questa attività, i militari hanno denunciato un 32enne del luogo, recidivo, sorpreso alla guida di un’autovettura Fiat Punto di sua proprietà, privo la patente di guida: l’autovettura è stata sequestrata ai fini della confisca. I carabinieri hanno anche denunciato due cittadini georgiani, sorpresi nel parcheggio esterno di un supermercato con alcuni generi alimentari trafugati dall’attività commerciale, e nascosti nei cappotti. La refurtiva è stata restituita al direttore dell’attività commerciale. Inoltre, sono stati segnalati alla Prefettura di Brindisi due 19enni del luogo trovati in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti per uso personale.

A Brindisi, i carabinieri della Sezione radiomobile della compagnia hanno denunciato per rifiuto di sottoporsi ad accertamenti circa l’uso di sostanze stupefacenti un 25enne disoccupato del luogo. Il giovane è stato fermato alle 2,30 in via Conserva alla guida di una Citroen Saxo di proprietà del padre. La patente di guida è stata ritirata è il veicolo affidato al congiunto. Nello stesso contesto, il giovane è stato perquisito ed è stato trovato in possesso di una dose di hascisc occultata all’interno della tasca del giubbino, pertanto è stato segnalato quale assuntore alla Prefettura di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Sorpreso in piazza con 21 grammi di cocaina: arrestato brindisino

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento