menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guardia Costiera e vigili urbani a caccia di pescivendoli abusivi

Guardia Costiera e Polizia municipale a caccia a Brindisi di venditori abusivi di prodotti ittici. Il bilancio del servizio è di due persone colpite da sanzioni aministrative (fino a 4.500 euro) per aver posto in vendita con bancarelle improvvisate, senza autorizzazioni del Comune e della Asl, prodotti ittici di cui non è possibile ricostruire la filiera

BRINDISI - Guardia Costiera e Polizia municipale a caccia a Brindisi di venditori abusivi di prodotti ittici. Il bilancio del servizio è di due persone colpite da sanzioni aministrative (fino a 4.500 euro) per aver posto in vendita con bancarelle improvvisate, senza autorizzazioni del Comune e della Asl, prodotti ittici di cui non è possibile ricostruire la filiera, anche se per alcuni tipi di pesce il personale della Capitaneria sospetta la provenienza da attività di pesca di frodo, quindi con rischi palesi per la salute dei consumatori incauti che si fossero rivolti agli ambulanti abusivi.

abusivi mercato ittico-2

Il pesce prelvato dalla bancarelle è stato distrutto alla presenza delle persone alle quali è stato sequestrato. I fatti si sono svolti nella zona di piazza Santa Maria Ausiliatrice, dove si trovava il mercato rionale della Commenda trasferito da mesi in una nuova, apposita struttura. Con l'approssimarsi delle festività di fine anno, quando il consumo di pesce, crostacei e molluschi cresce in maniera esponenziale, questo tipo di controlli sarà intensificato proprio a tutela dei consumatori, ai quali il comandante della Capitaneria di Porto, Salvatore Minervino, raccomanda di effettuare gli acquisti di prodotti ittici solo in punti vendita di assoluta fiducia, e di evitare i prodotti offerti per strada dagli abusivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento