menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sorpreso mentre forzava il nottolino di una macchina: arrestato

E' stato sorpreso mentre tentava di forzare il nottolino della serratura di una Lancia Ypsilon, con chiaro intento di rubare l'auto. Manette ai polsi per il 39enne Cosimo Gatto, di Oria

ORIA - E’ stato sorpreso mentre tentava di forzare il nottolino della serratura di una Lancia Ypsilon, con chiaro intento di rubare l’auto. Manette ai polsi per il 39enne Cosimo Gatto, di Oria. L’uomo è entrato in azione nella giornata di ieri (6 aprile) a Sava, insieme al tarantino Gianluca Mazza, di 21 anni.

Entrambi avevano alle spalle dei precedenti per reati contro il patrimonio. I due sono stati arrestati dai carabinieri dell’Aliquota radiomobile GATTO COSIMO-2della compagnia di Manduria. Mazza e Gatto sono stati colti sul fatto da una pattuglia che stava percorrendo via Manzoni, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio. I militari si sono accorti che Gatto, con la collaborazione di Mazza, stava armeggiando con uno “spadino” sulla portiera della macchina, parcheggiata in prossimità dell’abitazione della proprietaria. 

Alla vista della pattuglia, con una mossa fulminea, i malfattori hanno tentato invano di nascondersi dietro l’autoveicolo, cercando nel contempo di disfarsi dello spadino, di una chiave a stella e di una centralina elettronica che sarebbe servita per mettere in moto l’utilitaria che intendevano rubare. 

MAZZA GIANLUCA-2Per loro sfortuna, però, i carabinieri, dopo averli fermati ed effettuato una perquisizione personale e veicolare del mezzo di proprietà del più giovane, hanno trovato addosso a Gatto un foglio manoscritto riportante marca e modello di sette autovetture, lasciando presupporre che qualcuno gli avesse commissionato il furto delle medesime. Nella vettura in uso a mazza, poi, sono stati trovati altri arnesi da scasso (una chiave a pappagallo ed un cacciavite).

Il “kit da specialista di furti d’auto” è stato sequestrato. Le forze dell’ordine, dopo aver ricevuto la denuncia di tentato furto aggravato da parte della proprietaria del veicolo, hanno arrestato i due ragazzi, accompagnandoli presso le proprie abitazioni in regime di domiciliari, di concerto con il pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, Giovanna Cannalire.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento