menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sdraio e ombrelloni sequestrati

Sdraio e ombrelloni sequestrati

Spiaggia "liberata" dalla Capitaneria

OSTUNI – Ancora tensioni a Quarto di Monte. Superata la faccenda del blocco delle auto operato con massi di cemento collocati abusivamente su un sentiero da un altro operatore turistico, poi denunciato e sanzionato dal Comune, grazie all’istituzione di un’area di parcheggio gratuito offerta all’amministrazione comunale da Alfonso D’Amico, ecco un’altra grana che coinvolge proprio D’Amico. Ieri la Capitaneria di Porto, assieme a personale della polizia municipale di Ostuni, ha proceduto al sequestro di sdraio ed ombrelloni collocati sulla spiaggia dallo stesso D’Amico, titolare del bar e del parcheggio a pagamento sovrastanti l’insenatura sabbiosa.

OSTUNI - Ancora tensioni a Quarto di Monte. Superata la faccenda del blocco delle auto operato con massi di cemento collocati abusivamente su un sentiero da un altro operatore turistico, poi denunciato e sanzionato dal Comune, grazie all'istituzione di un'area di parcheggio gratuito offerta all'amministrazione comunale da Alfonso D'Amico, ecco un'altra grana che coinvolge proprio D'Amico. Ieri la Capitaneria di Porto, assieme a personale della polizia municipale di Ostuni, ha proceduto al sequestro di sdraio ed ombrelloni collocati sulla spiaggia dallo stesso D'Amico, titolare del bar e del parcheggio a pagamento sovrastanti l'insenatura sabbiosa.

L'intervento è legato al fatto che D'Amico, come dimostra anche un cartello apposto all'accesso della spiaggia, pretendeva che vi si potesse accedere portando attrezzature proprie e cibo, salvo pagamento alla sua società di un pedaggio di 10 euro. Ma le azioni di risposta non sono mancate, e la Capitaneria di Porto è intervenuta comunicando la decisione anche ai vigili urbani della Città Bianca. Una volta sul posto, D'Amico o chi per lui non è stato in grado di fornire gli estremi di alcuna concessione da parte del Comune di Ostuni che lo autorizzasse a impedire l'accesso ai bagnanti con al seguito ombrelloni, sdraio e cibo.

D'Amico risulta titolare solo di un'autorizzazione ad affittare a richiesta attrezzature da spiaggia, che egli tuttavia non può assolutamente piazzare sull'arenile occupandolo come se si trattasse di una spiaggia di cui detiene la concessione. La Capitaneria e i vigili urbani hanno dunque ripristinato l'ordine anche per questo aspetto di quella che tra Quarto di Monte e la parte pubblica della spiaggia del Pontile sembra una guerra improvvisamente dichiarata dai privati ai fruitori delle spiagge libere. Resta da vedere come e perché stamani - vedi foto - sulla spiaggia di Quarto di Monte siano ricomparse sdraio ed ombrelloni. (Le foto sono coperte da copyright)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, ancora alto il numero dei decessi in Puglia: sono 31

  • Cronaca

    Spari contro B&b prima dell'agguato in strada: il giallo si infittisce

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento