rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Tagli alla sicurezza, assemblea del Siulp a Brindisi col segretario nazionale Romano

BRINDISI - Arriva pochi giorni dopo il sottosegretario all'Interno, Alfredo Mantovano, e non certo per fare da puntello alle politiche governative per la sicurezza. Tra l'altro, queste sono settimane difficili per alcune zone del Brindisino tornate al centro di fenomeni criminosi che oggi nessuno può più sottovalutare o minimizzare (il caso Francavilla Fontana). Parliamo del segretario nazionale del maggiore tra i sindacati di polizia, il Siulp, Felice Romano, che domani venerdì 26 novembre, dalle 11 alle 14 parteciperà ad un incontro con i poliziotti in servizio in questura, nei due commissariati territoriali, presso la polizia di frontiera, quella postale, ferroviaria e stradale.

BRINDISI - Arriva pochi giorni dopo il sottosegretario all'Interno, Alfredo Mantovano, e non certo per fare da puntello alle politiche governative per la sicurezza. Tra l'altro, queste sono settimane difficili per alcune zone del Brindisino tornate al centro di fenomeni criminosi che oggi nessuno può più sottovalutare o minimizzare (il caso Francavilla Fontana). Parliamo del segretario nazionale del maggiore tra i sindacati di polizia, il Siulp, Felice Romano, che domani venerdì 26 novembre, dalle 11 alle 14 parteciperà ad un incontro con i poliziotti in servizio in questura, nei due commissariati territoriali, presso la polizia di frontiera, quella postale, ferroviaria e stradale.

L'assemblea si svolgerà nella sala convegni in questura, ed è inevitabile che oltre alla situazione nazionale del settore sicurezza si parli anche della situazione nel Brindisino, dove è noto che i conti del Viminale (esposti nuovamente da Mantovano lunedì scorso in consiglio comunale a Francavilla Fontana) non coincidono con quelli dei sindacati, peraltro accusati dal deputato Pdl ed ex sottosegretario alla Giustizia, Luigi Vitali, di attacchi pretestuosi al governo. Per Mantovano, la situazione delle carenze di personale a Brindisi non esiste: a livello nazionale la media è del 12 per cento si scopertura degli organici, mentre qui è solo del 7 per cento. E se il calcolo diventa interforze, in provincia di Brindisi ci sono - sempre secondo il sottosegretario - 1805 unità rispetto alle 1700 circa previste.

Felice Romano, invece, proprio ieri in occasione dell'incontro tra i ministro Roberto Maroni e tutti i sindacati del settore sicurezza, ha ironizzato amaramente sull'atteggiamento del governo, affermando che "i poliziotti, che il governo cada o no, continueranno ad arrestare i latitanti e i mafiosi sino a quando avranno almeno in tasca quei quattro soldi di stipendio con il quale sino ad oggi hanno anticipato la benzina e gli alberghi per poter catturare quei latitanti di cui ora tutti si vantano". La partecipazione di Felice Romano all'assemblea dei poliziotti brindisini è stata chiesta dalla segretario provinciale Domenico Conte, che ancora attende di essere ricevuto, assieme ai colleghi degli altri sindacati, dal sottosegretario Mantovano.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli alla sicurezza, assemblea del Siulp a Brindisi col segretario nazionale Romano

BrindisiReport è in caricamento