Cronaca

Minaccia di lanciarsi da cavalcavia: si era già incatenata nel parcheggio del Perrino

La disperazione di una 62enne per delle vicende riguardanti la figlia. Dopo più di un'ora si è tranquillizzata ed è andata in caserma a sporgere denuncia

MESAGNE - La scorsa settimana si era incatenata a un albero del parcheggio dell’ospedale Perrino. Stamattina (mercoledì 1 settembre) si è incatenata alla balaustra di un cavalcavia della superstrada Brindisi-Mesagne, all'altezza dello svincolo per Mesagne. La 62enne che intorno alle ore 12 odierne ha minacciato di togliersi la vita lanciandosi sulla strada statale 7 aveva già fatto parlare di sé pochi giorni fa. In entrambi i casi la donna, residente a Mesagne, ha voluto manifestare la sua disperazione per delle vicende che riguardano la figlia, fino alla scorsa settimana ricoverata presso il reparto di Psichiatria dell’ospedale Perrino di Brindisi.

La donna, fortunatamente, ha desistito dai suoi propositi al termine di un confronto con forze dell’ordine, parenti e soccorritori andato avanti per più di un’ora. Sul posto si sono recati i carabinieri della stazione di Mesagne, i vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi, la Polizia Locale, il personale del 118 e personale dei servizi sociali del Comune di Mesagne. Una volta rientrata l’emergenza, il comandante della stazione di Mesagne ha accompagnato la 62enne in caserma, dove ha raccolto una querela sporta dalla stessa per delle problematiche riguardanti la figlia.  

Articolo aggiornato alle ore 17:45

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia di lanciarsi da cavalcavia: si era già incatenata nel parcheggio del Perrino

BrindisiReport è in caricamento