Vendoni ricambi per auto, ma spariscono dopo aver intascato i soldi

Denunciati due uomini per una truffa online. La vittima avevaversato 440 euro sulla carta ricaricabile di uno dei due indagati

PEZZE DI GRECO - Dopo aver intascato il denaro, sono svaniti nel nulla. Un 40enne di Velletri e un 38enne di Roma sono i presunti responsabili dell’ennesima truffa online. La vittima è un uomo di Pezze di Greco che aveva risposto a un annuncio per la vendita di pezzi di ricambio per auto, su un sito e-commerce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’acquirente ha accreditato 440euro su una carta ricaricabile intestata al 40enne di Velletri. Da quel momento in poi, però, i presunti venditori si sono volatilizzati. La vittima non ha potuto far altro che sporgere denuncia presso la stazione dei carabinieri di Pezze di Greco, i quali sono risaliti ai presunti truffatori. Entrambi sono stati denunciati a piede libero per il reato di truffa in concorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento