Cronaca San Vito dei Normanni

Turismo sostenibile a Guaceto: certificazione Cets, e inclusione San Vito

Turismo ed attività economiche sostenibili attorno all'Area marina protetta e alla Riserva naturale dello Stato di Torre Guaceto, nella prospettiva offerta dall'acquisizione della certificazione Cets (Carta europea per il turismo sostenibile). All'avvio di questa importante fase è dedicato il primo forum con la comunità del parco, che si svolgerà giovedì 19 Marzo, dalle ore 11 presso il Castello Dentice di Frasso di Carovigno. E per la prima volta viene riconosciuto il diritto a far parte della stessa comunità anche a San Vito dei Normanni, oltre che a Carovigno e Brindisi

CAROVIGNO - Turismo ed attività economiche sostenibili attorno all'Area marina protetta e alla Riserva naturale dello Stato di Torre Guaceto, nella prospettiva offerta dall'acquisizione della certificazione Cets (Carta europea per il turismo sostenibile). All'avvio di questa importante fase è dedicato il primo forum con la comunità del parco, che si svolgerà giovedì 19 Marzo, dalle ore 11 presso il Castello Dentice di Frasso di Carovigno. E per la prima volta viene riconosciuto il diritto a far parte della stessa comunità anche a San Vito dei Normanni, oltre che a Carovigno e Brindisi.

Attraverso l'assistenza tecnica di Federparchi, incaricata dalla Provincia di Brindisi nell'ambito di un progetto strategico di cooperazione territoriale europea Grecia-Italia, gli attori locali quali imprenditori turistici, associazioni, amministratori locali, potranno prendere visione dei primi passi da compiere per intraprendere questo importante cammino insieme alla Riserva, per arrivare all'elaborazione di un piano strategico quinquennale che dovrà essere valutato dalla Federazione Europarc, coordinatrice dell'iniziativa a livello europeo. 

Protagonisti della giornata saranno, quindi, i diversi soggetti dell'area coinvolti a vario titolo nel settore turistico, con la novità dell'inclusione di San Vito dei Normanni che ha forti e antichi legami con la costa oggi amministrata dal Comuni di Carovigno e Brindisi, che, attraverso la loro adesione al Forum della Comunità Locale del Parco, potranno prendere parte attiva all'analisi partecipativa e a una diagnosi del mercato turistico dell'area protetta, delle strategie già in atto, delle opportunità e dell'impatto dal punto di vista ambientale, economico e sociale. 

La Cets rappresenta un'importante occasione di crescita per tutto il territorio e per il tessuto socio-economico che gravita intorno all'area protetta; i numeri legati alla Cets in Europa sono importanti: attualmente 131 aree protette in 16 paesi, che hanno ottenuto la Carta, 7 milioni di ettari di Rete Natura 2000 sono situati all'interno di parchi Cets, con una popolazione di 4 milioni di persone, 73 milioni sono invece i visitatori annuali e 441 milioni di euro il giro di investimenti pubblici e privati legati ai piani strategici di tutto il continente.

In Italia sono invece 25 i parchi già certificati Cets e Torre Guaceto sarebbe, dopo l'Amp di Torre del Cerrano, la seconda Area Marina Protetta certificata. La volontà di Torre Guaceto di aderire alla Cets nasce dall'esigenza di impegnarsi sempre di più in una fruizione sostenibile, responsabile e consapevole dell'area e testimonianza di questo rinnovato impegno sono altri due progetti sul quale si sta contemporaneamente lavorando.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo sostenibile a Guaceto: certificazione Cets, e inclusione San Vito

BrindisiReport è in caricamento