rotate-mobile
Cronaca Mesagne

Ubriaco, cappotta e simula rapina

MESAGNE – Chiama il 113 per denunciare una rapina subita ma viene denunciato per simulazione di reato e procurato allarme. È quanto accaduto a un 40enne di Mesagne, A.D,. vecchia conoscenza delle forze dell'ordine per piccoli reati di diversa natura.

MESAGNE ? Chiama il 113 per denunciare una rapina subita ma viene denunciato per simulazione di reato e procurato allarme. È quanto accaduto a un 40enne di Mesagne, A.D., vecchia conoscenza delle forze dell'ordine per piccoli reati di diversa natura.

L'uomo intorno alle 2,30 della notte scorsa ha richiesto l'intervento della polizia per riferire di essere stato fermato, nella zona industriale di Mesagne, da tre individui incappucciati ma non armati che dopo averlo tirato fuori dall'abitacolo con la forza gli hanno portato via l'auto, una Renault Scenic.

I poliziotti hanno raccolto la segnalazione e avviato le ricerche tese all'individuazione dei tre criminali. La versione fornita da quella presunta vittima, però, non ha convinto i poliziotti specie perché quell'uomo era in evidente stato di ebbrezza.

La prima conferma che i fatti non erano andati esattamente così come erano stati raccontati è arrivata quando l'auto che era stata rapinata è stata trovata ribaltata sulla statale sette Brindisi-Taranto, all'altezza dello svincolo per la zona industriale di Mesagne.

Che motivo avevano i tre rapinatori, non armati, di abbandonare l'auto a poche centinaia di metri dal luogo della rapina? La vettura, comunque, è stata posta sotto sequestro.

Ma le bugie hanno le gambe corte. Questa mattina quando il 40enne è tornato presso gli uffici del commissariato di Mesagne per formalizzare la denuncia ha fornito una versione diversa da quella raccontata durante la notte.

I poliziotti che lo hanno interrogato, che avevano già chiara la situazione, lo hanno messo alle strette tanto da convincerlo a rivelare la verità e così e stato.

Il 40enne ha raccontato di essersi ribaltato con l'auto poco prima dello svincolo per Mesagne e per evitare di chiamare le forze dell'ordine (forse per non incorrere nell'alcool test) ha inventato la storia della rapina. Per lui quindi una denuncia per simulazione di reato e procurato allarme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco, cappotta e simula rapina

BrindisiReport è in caricamento