menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Una morte sul lavoro è sempre un fallimento per la società"

Anche la Cgil con il segretario generale Antonio Macchia si stringe alla famiglia del giovane operaio di Francavilla Fontana rimasto schiacciato da una pressa:"Tragedie anacronistiche"

BRINDISI - "La Cgil è vicina alla famiglia del lavoratore che questa mattina, nell’adempimento del suo dovere è stato schiacciato da una pressa. Queste notizie rappresentano sempre un fallimento della società civile": il segretario generale della Uil, Antonio Macchia, si unisce al dolore della famiglia del giovane di 24 anni che ha perso la vita restando schiacciato da una pressa per rifiuti.

"Nessuno di noi vorrebbe apprendere di  simili tragedie, men che meno il Sindacato che da sempre si batte per il lavoro in sicurezza. Le indagini ovviamente sono affidate agli inquirenti i quali con i mezzi a loro disposizione acclareranno le rispettive responsabilità, ma il rammarico rimane per non essere riusciti a prevenire in ogni caso tale evento per salvare quel ragazzo che era sul suo posto di lavoro per guadagnarsi con onestà il proprio stipendi. Nel 2017 queste tragedie sono anacronistiche, la Cgil è sempre più determinata nel richiedere con sempre maggiore pressione il rispetto della normativa di sicurezza nei posti di lavoro". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento